Breaking News

Il video della NASA che mostra l’aumento del riscaldamento globale (dal 1880 al 2015)

La NASA ha appena rilanciato un video che mostra, in 30 secondi, l’esponenziale aumento della temperatura sulla Terra dal 1880 al 2015. Dobbiamo preoccuparci? Sì, perché gli ultimi dodici mesi hanno registrato numeri da record.

Sarebbe difficilissimo riassumere quante cose possono cambiare in 135 anni, soprattutto se il periodo preso in esame è quello che va dal 1880 al 2015. Eppure c’è un mutamento, di cui sentiamo parlare spesso, che è sempre più pericoloso per l’intera umanità: il riscaldamento globale. La NASA ha appena rilanciato un video che mostra, in 30 secondi, l’esponenziale aumento della temperatura sulla Terra in quel determinato lasso di tempo.

[youtube id=”gGOzHVUQCw0″]

2015, per la NASA un anno terribile

Gli ultimi dodici mesi hanno registrato valori ancora più allarmanti, anche a causa di fenomeni come El Niño: «Le temperature-medie registrate, a livello globale, sono nettamente superiori a quelle registrate nel 2014 e superiori di 0,9 gradi centigradi alla media del ventesimo secolo».

Per quanto riguarda, invece, la superficie del mare si è registrato un aumento della temperatura pari a 0,74° C sempre rispetto alla media del 1900. È il dato più alto tra il 1880 e il 2015: supera di 0,11° C il record del 2014». Tutti questi numeri sono stati elaborati e resi pubblici dall’agenzia federale statunitense NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration).

orsi-polari-intrappolati-su-iceberg-02

Una sfida che dobbiamo vincere

Per Charles Bolden, amministratore dell’agenzia spaziale americana: «Il cambiamento climatico è la sfida della nostra generazione». Una partita decisiva che deve essere giocata da ciascuno di noi visto che l’uomo, tra consumi, sprechi, inquinamento, incendi e altri fattori diretti, resta la principale causa di questo preoccupante declino: «I dati non mentono e dovrebbero convincere la classe politica che ci governa a fare subito qualcosa». 

Credit video: NASA Goddard Space Flight Center’s Scientific Visualization Studio

Ti potrebbe interessare anche

“Hyperloop is real”: ecco il video che vi mostra il futuro

Il team di Hyperloop ha realizzato un video all’interno dei cantieri dove viene fatta la capsula che viaggerà a 1200 km/h. Nel 2016, in California, inizieranno i primi test. Il sogno di Elon Musk è sempre più reale.

10 invenzioni tra le migliori del 2015 (e un magazine del Novecento)

Il 2015 è stato un anno intenso, in cui abbiamo avuto l’impressione di costruire un vero e proprio ponte per il futuro. Abbiamo raccolto per voi 10 tra le migliori invenzioni di quest’anno, che hanno migliorato il mondo, rendendolo più “smart” e, in qualche caso, più divertente.

300 pagine in 15 minuti: ecco lo scanner ultraveloce per farsi una biblioteca digitale (non solo di libri)

Czur, inventato da un giovane cinese, scannerizza tutto, anche una scultura classica o un giocattolo. È in grado di digitalizzare un libro di 300 pagine in 15 minuti e di costruire, citando Borges, la propria biblioteca di Babele.

Apple brevetta l’iPhone che si piega e si deforma

Lo scorso 1° marzo Apple ha depositato un brevetto che riguarda i device elettronici flessibili. In futuro, cioè, l’iPhone si piegherà e fletterà tra le nostre dita. E non solo, novità anche per quanto riguarda le cuffie.

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Airbnb vale 6,5 miliardi di euro per i ristoranti, 257 milioni a Roma

Un rapporto della piattaforma su 44 metropoli internazionali indaga l’impatto degli ospiti sulla ristorazione locale: in media spendono fra i 40 e i 100 dollari a serata, spesso nel quartiere dove alloggiano

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»