news

Apple compra un’azienda finlandese e sfida Google nella mappatura del mondo (anche con i droni)

Lo riferisce Bloomberg. Apple ha comprato un’azienda finalndese, Indoor.io, per ridurre il gap con Google e iniziare a mappare il mondo. Le nuove funzionalità in cantiere vedranno la luce a partire dal 2017.

Secondo Bloomberg, Apple vuole sfidare Google nella mappatura digitale del mondo. O almeno sta cercando di ridurre la distanza che oggi esiste tra le due aziende. Per farlo ha deciso di seguire due strade: da una parte usando i droni e dialogando con la Federal Aviation Administration, l’ente governativo che regola le licenze di volo; dall’altra allargando il team di esperti. Prima mossa? L’acquisizione, senza particolari clamori, di un’azienda finlandese, Indoor.io, specializzata nella mappatura digitale.

apple-logo-maps-1

I droni per mappare strade e traffico

Sempre secondo Bloomberg, l’azienda di Cupertino userà i droni per raccogliere dati e informazioni sfruttando metodi più rapidi rispetto alle tecnologie, su ruote, che attualmente utilizza. Tutto quello che verrà raccolto sarà poi analizzato e trasformato in modelli da esperti di robotica e ingegneri informatici. Tra i primi obiettivi ci sarebbe quello di migliorare i servizi per gli automobilisti, monitorando strade, avvisi e cartelli, e le modifiche al traffico a causa di cantieri e lavori.

1427798128_apple-drone

L’acquisto di Indoor.io

Ma una parte di questo lavoro sarà dedicato anche a chi viaggia. Apple ha in cantiere nuove funzionalità per migliorare le esperienze all’interno di luoghi chiusi come musei e aeroporti. Saranno ervizi dedicati a chi, per lavoro o diletto, si trova ad attraversare spazi pubblici sconosciuti e in cui fatica a orientarsi. Per farlo ha acquisito un’azienda finlandese, Indoor.io, che in questo campo ha acquisito un’esperienza internazionale.

È un percorso che Apple ha iniziato nel 2013 con l’acquisizione di una startup, WiFiSlam, che si occupava di geo-localizzaione, sensori di pressione, bluetooth, navigazione WiFi. Metodi innovativi che poi sono stati adattati ai device della Apple e in particolare agli iPhone. Le prime novità, sempre secondo Bloomberg, sono attese per il 2017. La guerra a Google è già partita.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

I robot ci rubano il lavoro? No, sta a noi ripensare l’occupazione

Adidas, Tesla, Apple, Samsung, Microsoft. Sempre più aziende introdurranno robot nelle loro catene di montaggio. È inevitabile ma anche una grande opportunità: quella di ripensare l’occupazione.

Piccoli droni sorvoleranno la sede di Facebook. Ecco i nuovi test per Aquila

Facebook ha chiesto l’autorizzazione al Governo degli Stati Uniti per far volare, sopra la propria sede, dei piccoli droni. Nei prossimi sei mesi, infatti, testerà nuove tecnologie e nuove applicazioni per Aquila, il drone gigante che porterà internet ovunque.

Apple abbandona (per ora) il progetto dell’automobile senza pilota

Lo dice Bloomberg ma è una notizia che circola da tempo. L’azienda di Cupertino dice addio alla Apple Car, l’automobile senza pilota che tanto era stata annunciata negli ultimi due anni. Il motivo? Dissidi interni e una volontà forte di non rinunciare alla qualità.

Apple brevetta l’iPhone che si piega e si deforma

Lo scorso 1° marzo Apple ha depositato un brevetto che riguarda i device elettronici flessibili. In futuro, cioè, l’iPhone si piegherà e fletterà tra le nostre dita. E non solo, novità anche per quanto riguarda le cuffie.

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.