Redazione

Dic 5, 2016

Redazione

Dic 5, 2016

Emotibot, la startup che insegna ai chatbot come capire lo stato emotivo delle persone

Emotibot, la startup cinese che sta inventando un metodo per insegnare ai chatbot a comprendere lo stato emotivo delle persone con cui iniziano una conversazione.

L’intelligenza emotiva è uno egli aspetti più difficili da coltivare. Anche per gli esseri umani. Figuratevi per i robot, le intelligenze artificiali e i chatbot. Ma capire lo stato emotivo delle persone, durante una specifica conversazione, potrebbe cambiare definitivamente la natura di questi assistenti automatici, i cui strumenti di analisi sono ancora molto limitati.

58408d1444c8a31f89afc7ac_o_u_v1

La startup che vuole cambiare le cose: Emotibot

Per un chatbot intuire questo tipo di sensazioni può essere decisivo. Significherebbe ridurre i conflitti e le incomprensioni. creerebbe una maggiore empatia tra chi ha bisogno di informazioni e chi è stato costruito per dare delle risposte. Emotibot, startup cinese specializzata nello sviluppo e nella cura di questi assistenti, ha trovato un modo per iniziare a dotarli di queste capacità. Uno spiraglio che potrebbe far felici moltissime aziende che erogano servizi di vario tipo. Come spiega questo video di TechCrunch:

[youtube id=”nWwTCPX7jYo”]

Sorpassare l’ironia

Lo abbiamo imparato anche da Siri, la voce di iPhone e iPad. La strategia dei chatbot per entrare in confidenza con i clienti, quando non vengono censurati, è improntata sull’ironia e sulla sorpresa. Le risposte dirette e inaspettate, il canto con voce robotica, la recitazione di una poesia. Emotibot, invece, permette di aumentarne la delicatezza, facendoli diventare meno diretti, più cortesi e capaci di ascoltare.

Tutto grazie a testi, elementi audio e segni che possono essere catturati tramite l’esperienza e la fotocamera del dispositivo che si sta utilizzando. Una combinazione che, giorno dopo giorno, permette di raffinare “il tatto” del chatbot. un primo passo per costruire intelligenze sempre meno artificiali.