Bot

Emotibot, la startup che insegna ai chatbot come capire lo stato emotivo delle persone

Emotibot, la startup cinese che sta inventando un metodo per insegnare ai chatbot a comprendere lo stato emotivo delle persone con cui iniziano una conversazione.

L’intelligenza emotiva è uno egli aspetti più difficili da coltivare. Anche per gli esseri umani. Figuratevi per i robot, le intelligenze artificiali e i chatbot. Ma capire lo stato emotivo delle persone, durante una specifica conversazione, potrebbe cambiare definitivamente la natura di questi assistenti automatici, i cui strumenti di analisi sono ancora molto limitati.

58408d1444c8a31f89afc7ac_o_u_v1

La startup che vuole cambiare le cose: Emotibot

Per un chatbot intuire questo tipo di sensazioni può essere decisivo. Significherebbe ridurre i conflitti e le incomprensioni. creerebbe una maggiore empatia tra chi ha bisogno di informazioni e chi è stato costruito per dare delle risposte. Emotibot, startup cinese specializzata nello sviluppo e nella cura di questi assistenti, ha trovato un modo per iniziare a dotarli di queste capacità. Uno spiraglio che potrebbe far felici moltissime aziende che erogano servizi di vario tipo. Come spiega questo video di TechCrunch:

[youtube id=”nWwTCPX7jYo”]

Sorpassare l’ironia

Lo abbiamo imparato anche da Siri, la voce di iPhone e iPad. La strategia dei chatbot per entrare in confidenza con i clienti, quando non vengono censurati, è improntata sull’ironia e sulla sorpresa. Le risposte dirette e inaspettate, il canto con voce robotica, la recitazione di una poesia. Emotibot, invece, permette di aumentarne la delicatezza, facendoli diventare meno diretti, più cortesi e capaci di ascoltare.

Tutto grazie a testi, elementi audio e segni che possono essere catturati tramite l’esperienza e la fotocamera del dispositivo che si sta utilizzando. Una combinazione che, giorno dopo giorno, permette di raffinare “il tatto” del chatbot. un primo passo per costruire intelligenze sempre meno artificiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Breve storia dei chatbot (dal 1966 a oggi)

Per molti il 2016 è l’anno dei chatbot. Così abbiamo deciso di guardare indietro e di ricostruire alcune tra le tappe più importanti della loro storia. Da Eliza fino a Messenger.

Il futuro è dei robot? Solo se superano il prossimo step: il linguaggio

Piaccia o no, sempre più robot sono destinati in futuro a sostituirci sul posto di lavoro. Ma per comportarsi come gli esseri umani avranno bisogno di padroneggiare un comportamento chiave: il linguaggio. E non è detto che tutto vada proprio così come lo abbiamo immaginato.

La censura cinese colpisce anche i chatbot. Vietato chiedere di Tienanmen (e Trump)

Xiaoice, chatbot cinese con più di 20 milioni di utenti registrati, si rifiuta di rispondere a domande storiche che riguardano i fatti di Piazza Tienanmen. Ma la censura gli impedisce di parlare anche di Trump, Xi Jinping e del Dalai Lama.

Apple compra un’azienda finlandese e sfida Google nella mappatura del mondo (anche con i droni)

Lo riferisce Bloomberg. Apple ha comprato un’azienda finalndese, Indoor.io, per ridurre il gap con Google e iniziare a mappare il mondo. Le nuove funzionalità in cantiere vedranno la luce a partire dal 2017.

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo