Social Innovation

The Shed, il centro dell’innovazione artistica nel cuore di New York

Nella primavera nel 2019 la Grande Mela avrà una struttura di 200mila metri quadri per ospitare performance di diversa natura, dalle arti visive alla musica, all’insegna della sperimentazione. La struttura dal design avveniristico sorgerà tra la decima e l’unidicesima strada a Manhattan

Mancano ancora due anni abbondanti alla sua apertura, ma The Shed si presenta già come una straordinaria occasione per gli artisti della città di New York e non solo. Il nuovo centro per l’innovazione artistica sorgerà nella primavera del 2019 tra la decima e l’undicesima strada di Manhattan, in corrispondenza del punto di incontro tra il parco della High Line e l’area di Hudson Yards. Sarà il posto ideale per coloro che vogliano rispondere con la propria arte alle necessità dei tempi. La struttura avrà sufficienti spazi per ospitare diversi tipi di performance, dalle arti visive alla musica. La tecnologia sarà elemento essenziale del centro e potrà essere sfruttata al massimo dai suoi frequentatori. Il nome in italiano significa “capanno”. E l’idea è proprio quella di offrire un riparo a chiunque voglia esercitare la propria creatività e la propria arte.

culture_shed_aerial_night

Rendering notturno di The Shed. Foto: Siller Scofidio + Renfro

Un’iniziativa artistica e sociale

The Shed è anche e soprattutto un’iniziativa sociale. Lo dimostra il programma di collaborazione già lanciato da FlexNYC, gruppo guidato da Reggie “Regg Roc” Gray e i ballerini flexn di D.R.E.A.M. Ring (Dance Rules Everything Around Me). Il linguaggio della danza di strada flexn nei prossimi tre anni stimolerà l’attenzione degli studenti delle scuole di New York su alcuni temi di giustizia sociale. «Volevo iniziare il nostro lavoro dentro New York e nelle sue periferie con i giovani», ha detto il direttore artistico Alex Poots al New York Times. The Shed ha chiesto a Lawrence Weiner, artista cresciuto nel Bronx ed esponente dell’arte concettuale, di realizzare per l’apertura del centro un’opera d’arte che sia rappresentativa della missione della struttura.

Il design innovativo della struttura

A guardare il rendering dell’edificio di The Shed, viene da pensare che la struttura sarà anche un’occasione di rinnovamento per la metropoli statunitense, già da anni avviata sul percorso di un futuro smart e accessibile a tutti. Duecentomila metri quadri distibuiti su sei piani incastrati tra gli altri grattacieli. Il design flessibile è merito dello studio di architetti Diller Scofidio+ Renfro che ha firmato il progetto in collaborazione con il Rockwell Group. L’intenzione dei progettisti è stata quella di rendere possibile lo svolgimento di più eventi in contemporanea su diversi livelli così da dare massima libertà al visitatore. All’interno ci sono 25mila metri quadri che è possibile adibire a museo, un teatro da 500 posti, spazi per le prove e un laboratorio aperto a chi vuole costruire la sua carriera nell’arte. La vera particolarità della struttura sta, però, in una griglia che si trova davanti all’edificio, ma che è possibile spostare su dei binari fino a coprire l’edificio così da lasciare spazio a una grande piazza disponibile per eventi all’aperto. Quando, invece, la griglia copre la piazza, si ha a disposizione una vasta hall che è utilizzabile per diversi scopi.

hudson_yards_platform_for_culture_shed_sept_2014

La piattaforma sulla quale è in construzione The Shed. Foto: Epicgenius

Il progetto di una startup dell’arte

A dirigere il progetto artistico di The Shed c’è Alex Poots. Negli ultimi 20 anni Poots ha lavorato con artisti di calibro internazionale. The Shed assomiglia a una startup che deve affermarsi nella città e guadagnare credibilità agli occhi del pubblico. Nel frattempo ha ottenuto l’adesione da parte di 501 organizzazioni culturali no-profit e finanziamenti da parte di enti filantropici. In tutto fino a questo momento ha raccolto 326 milioni di dollari a fronte dei 425 milioni necessari per completare l’opera. In estate alcune parti della struttura che è attualmente in costruzione saranno completate e visibili.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti