APP

L’app di Google per la tua sicurezza (e quella dei tuoi cari). Contatti Fidati

Contatti Fidati è un’app che permette ad una cerchia ristretta di persone di sapere dove ci troviamo. Ma possiamo chiedere anche di essere virtualmente accompagnati durante percorsi pericolosi. Magari di notte e in zone poco sicure.

La sicurezza delle persone è un tema su cui Google ha deciso di investire molte risorse. L’ultima novità si chiama Contatti Fidati, un’app che permette di eleggere una cerchia di contatti a cui far sapere sempre dove ci troviamo. Anche se si trovano in luoghi senza una connessione a internet.

Come funziona Contatti Fidati 

Una volta scaricata l’applicazione dallo store, per ora disponibile solo nella versione Android (a breve uscirà la versione per iOS), basterà scegliere le persone a cui far sapere dove esattamente ci troviamo. Ognuno di loro potrà richiedere, in caso di necessità, le coordinate della nostra posizione e ricevere, manualmente, una risposta. Tutto per far cessare preoccupazioni e ansie. E se non dovessimo rispondere entro un determinato intervallo di tempo, l’applicazione notificherà al richiedente l’ultima posizione conosciuta.

contatti-fidati-google

Fare un percorso insieme

Google ha pensato anche a quelle situazioni in cui ci si ritrova a percorrere un determinato tragitto da soli. Magari di notte o in zone poco sicure. In quel caso è possibile chiedere a un contatto della cerchia di accompagnarci per tutta la durata della camminata. Una vicinanza virtuale che può evitare spiacevoli conseguenze e che dà maggiore sicurezza. Una volta arrivati a casa basterà spegnere l’applicazione per far cessare questo monitoraggio in diretta. A breve è attesa anche un’integrazione con Maps, altro prodotto dell’azienda di Mountain View. Un ottimo esempio di social innovation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Allo, la chat intelligente di Google che sfida Whatsapp, Telegram e Messenger

Arriva in ritardo ma è convinta di poter dare del filo da torcere ai grandi colossi come Whatsapp e Telegram. E potrebbe riuscirci anche grazie a un assistente vocale realmente intelligente che comparirà, in ogni chat, al richiamo @google.

#MilioniDiPassi, il tour virtuale per vivere l’esperienza (traumatica) di un profugo

Il progetto si basa su un’installazione multimediale che, attraverso visori di ultima generazione e operatori-tutor, offre a chi vorrà indossare questi occhiali un’immersione nella realtà di chi scappa dalla Siria, attraversando il mare e percorrendo le strade balcaniche.

“Abbracciamoci”: un’app per evitare le molestie e sentirsi al sicuro in città anche da soli

La startup che ha creato LetEmbrace è stata fondata dalla ventiquattrenne italiana Maria Beatrice Giovanardi ed ha sede nel Campus London di Google. Obiettivo? Garantire il diritto alla sicurezza, con l’aiuto di tutti.

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore