news

Un fondo da un miliardo di dollari per proteggere il mondo da Trump. L’annuncio di Gates

Breakthrough Energy Ventures Fund è il fondo d’investimento da un miliardo di dollari che Bill Gates ha creato con Bezos, Branson, Jack Ma e altri milionari. L’obiettivo è quello di finanziare idee che conducano all’utilizzo di energie economiche e pulite. Una misura per combattere la deriva di Trump sull’ambiente.

I ricchi del mondo si alleano per proteggere il Pianeta da Trump. Se dovessimo riassumere l’annuncio di Bill Gates basterebbero queste 12 parole. Una semplice frase, senza punteggiatura, dal valore di un miliardo di dollari. Questa è, infatti, la cifra che andrà a costituire il Breakthrough Energy Ventures Fund, il fondo d’investimento dedicato alle energie rinnovabili che il magnate americano ha creato con altri suoi colleghi. Da Jeff Bezos a Richard Branson, passando per Jack Ma, e Reid Hoffman. Un gruppo di milionari il cui patrimonio supera i 170 miliardi di dollari.

main-donald-trump

La politica della nuova Casa Bianca

Se Barack Obama, negli ultimi 8 anni, aveva messo il cambiamento climatico tra gli argomenti principali della sua presidenza, Trump ha deciso di voltare pagina. In maniera brusca e senza possibilità di appello. La protezione dell’ambiente non risulta tra le sue priorità. Per questo non è un caso che nella futura amministrazione compaiano figure come Cathy McMorris Rodgers (segretario agli interni) che si è schierata pubblicamente dalla parte dei negazionisti o Rex Tillerson (esteri), ex amministratore delegato di una potente industria petrolifera come Exxon.

A dirigere l’EPA (Agenzia Federale per l’Ambiente) è stato nominato Scott Pruitt, procuratore generale dell’Oklahoma e, anche lui,  negazionista dei cambiamenti climatici. Nel commentare la nomina, Trump ha ribadito la sua posizione sul tema: «L’essenziale missione dell’Epa è quella di tenere la nostra aria e la nostra acqua pulite e sicure. Dobbiamo smettere di spendere i soldi dei contribuenti in un’agenda fuori controllo e anti-energetica».

breakthrough-energy-990x487

L’obiettivo del Fondo

Il miliardo di dollari servirà ad aiutare lo sviluppo di progetti che mirano a combattere l’inquinamento servendosi di forme energetiche alternative: «Siamo pronti a finanziare tutte le idee che porteranno l’umanità a usare forme di energia economiche, affidabile e soprattutto pulite». Bill Gates sarà una sorta di garante, avendo ruolo attivo nelle scelte che riguarderanno la distribuzione degli investimenti nell’arco dei prossimi vent’anni. Il progetto è già online e riprende alcuni concetti che il fondatore di Microsoft aveva lanciato nel 2015.

[youtube id=”YhgIY-Vghj4″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

1994: Bill Gates, un CD-ROM e una foresta (storia di una foto)

Nel 1994 venne pubblicata questa foto con Bill Gates, sorridente, su un albero mentre mostra un CD. Ecco come un’immagine di tecno-archeologia può raccontarci una radice del nostro pensiero tecnologico.

500mila dollari dal MIT per la batteria del futuro (finanziata anche da Bill Gates)

Jay Whitacre ha vinto il Lemelson-MIT Program grazie ad Aquion, l’azienda che sta costruendo la batteria che permetterà di sfruttare l’energia solare 24 ore su 24. Un anno fa il progetto raccolse 55 milioni di dollari convincendo anche Bill Gates.

Cities Unlocked: il progetto di Bill Gates per i non vedenti (con cuffie e audio 3D)

Nel mondo ci sono 39 milioni di non vedenti, e Microsoft vuole regalare loro la possibilità di guardare ciò che li circonda grazie al suono tridimensionale e alla tecnologia GPS: una sfida che parte da Londra e che vuole incontrare il pubblico entro il 2020

Le illustrazioni che raccontano i mestieri nati con la tecnologia (e la rete)

Tony Ruth ha deciso di illustrare come il mondo del lavoro è cambiato grazie alla tecnologia. I suoi disegni, ispirati a Richard Scarry, descrivono in maniera ironica ed efficace tutti quei mestieri, nati di recente, e che rappresentano un’intera generazione di neo-lavoratori

La startup di Firenze che aiuta chi affitta camere, appartamenti e B&B. Keesy

Patrizio Donnini ha sviluppato un servizio di check-in e check-out automatizzato per chi fa home sharing. I Keesy Point, localizzati in punti strategici di arrivo come stazioni e aeroporti, sono aperti 24 ore su 24, per garantire la massima libertà di host e guest. Si parte da Firenze, poi sarà la volta di Roma, Milano e Venezia

L’ecommerce di cibo e vino Made in Basilicata, con le ricette degli chef del posto. Godebo

Il progetto di tre lucani per valorizzare i prodotti enogastronomici del territorio e portarli sul mercato nazionale e internazionale. Si possono acquistare ingredienti singoli e anche menu. E ci sono anche i video tutorial per le ricette