smart cities

Current, il progetto che illuminerà 17 ponti di Londra

Il progetto Current ha vinto una competizione internazionale per illuminare i ponti di Londra e ridare vita al centro della città. Un modo per stupire i turisti e far sentire i cittadini più protetti.

Londra ha scelto il progetto per illuminare i suoi ponti. La competizione internazionale, denominata The Illuminated River, era rivolta a tutti quegli artisti che avessero un’idea per dar luce a 17 strutture sopra il Tamigi. Un’iniziativa per unire arte e sicurezza, architetture storiche e nuove tecnologie. Una nuova veste da far indossare al fiume, dopo il tramonto, per accogliere i turisti e aiutare i residenti a sentirsi più protetti.

[vimeo id=”190121502″]

Current, il vincitore

Il vincitore è un artista di New York, Leo Villareal, che ha già lavorato con l’amministrazione di San Francisco per ridare vita alla Bay Bridge. Il progetto, denominato Current, gioca su una parola che ha a che fare sia con i fiumi che con l’energia che serve per illuminare luoghi e città. L’intero progetto verrà a costare circa 25 milioni di dollari e verrà realizzato con finanziamenti privati. Un modo intelligente per dare nuova linfa al centro di Londra “sfruttando la potenza universale della luce”.

current

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti