prototipi

Il cucchiaio da un milione di dollari che funziona come un origami. Polygons

I poligoni di cui è fatto questo cucchiaio si adattano alle esigenze dell’utente, ai materiali da trasportare, al cibo da raccogliere. Storia di un piccolo gadget che costa appena 8 dollari e ha conquistato Kickstarter.

Il milione di dollari su Kickstarter è un traguardo che tanti inventori sognano. È uno spartiacque che decreta il successo di un prodotto a caccia di finanziamenti. Prototipi che sono spesso solo delle idee la cui forma non è quella conclusiva. Gadget inaspettati, rivisti e migliorati. Ma geniali. Come Polygons, il cucchiaio che ha convinto oltre 36mila donatori e superato la fatidica soglia dei 6 zeri.

[youtube id=”bwkmzdyCqDc”]

Poligoni, forme, origami

Da lontano quella che i nostri occhi osservano sembra una comune tavoletta rettangolare, liscia e piatta. Ma quando ci avviciniamo ci accorgiamo che il suo corpo, pur regolare, è internamente diviso. Linee, numeri, misure. E solo quando la prendiamo in mano capiamo l’intuizione che sta alla base del prodotto. I poligoni di cui è fatto il corpo, infatti, si adattano alle esigenze dell’utente, ai materiali da trasportare, al cibo da raccogliere. Polygons, infatti, è composto di vari parti che si piegano assecondando il nostro volere. Come un origami. Ma più resistente ed elegante. Niente più forme concave, rigide, pesanti. A seconda di come viene piegato può diventare un cucchiaio in grado di contenere 7,5, 15, 22 o 30 millilitri di liquidi o solidi, o un cucchiaino che va da 5 a 12 millilitri.

Un’idea che arriva dall’India

Polygons è nato nel 2014, per opera di Rahul Agarwal, designer e docente indiano che si è specializzato nell’evoluzione di alcuni prodotti di uso quotidiano. Come gli utensili da cucina: «Ho avuto l’intuizione per il mio cucchiaio mentre cercavo di reinventare la ruota. I poligoni che volevo utilizzare si sono dimostrati più utili per un altro progetto». Mesi di test e di geometrie. Di prove e incastri. Tutto per arrivare al gadget perfetto che fosse lo specchio della sua idea di innovazione e che servisse, visto che può anche spalmare e dosare, in tutte le situazioni possibili.

a401f781c6c44f2b2c046556bbaa47fc_original

Quanto costa (e quando arriva)

Polygons costa appena 8 dollari, una cifra onesta viste le funzioni che è in grado di assolvere. Chi ha comprato il prodotto aderendo alla campagna su Kickstarter riceverà il suo (doppio) cucchiaio già alla fine di gennaio. Per tutti gli altri che completeranno l’acquisto in una fase successiva, su Indiegogo, dovrà attendere la primavera del 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

BLIPS, le lenti che trasformano lo smartphone in microscopio

È una tecnologia italiana realizzata con il supporto dell’IIT. Con pochi euro queste lenti adesive trasformano il tuo smartphone in un microscopio.

Dall’idea di un gruppo di universitari arriva PocketScan, lo scanner wi-fi che sta in una mano

Dal foglio di carta a excel, word, jpeg e altri formati in un solo passaggio grazie allo scanner portatile. Ecco il nuovo dispositivo realizzato da una spin off universitaria, Dacuda, che vende in 50 paesi (e che ha fatto furore su kickstarter)

FORMcard, la bioplastica che aggiusta (quasi) tutto

FORMcard è una bioplastica (grande quanto una carta di credito) che puoi tenere nel portafoglio e usare per aggiustare oggetti o creare supporti. Si scalda con acqua calda, si modella, si crea e infine si aspetta che raffreddi. Ed è più resistente del nylon.

GeoOrbital, la ruota che trasforma la propria bicicletta in “elettrica” (in 60 secondi)

Basta applicare questa ruota sulla propria bicicletta per trasformarla in “elettrica”. Un prototipo che permette di arrivare fino agli 80 km/h. L’idea di una startup americana ha già raccolto 350mila dollari su Kickstarter.

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.