Device

Controllare le luci natalizie con lo smartphone. Twinkly

Quest’anno, grazie a Twinkly, prodotto dalla startup italiana Ledworks, sarà possibile impostare e controllare le luci natalizie direttamente dallo smartphone, comodamente seduti sul divano.

Ritmi, intermittenze, colori. Le luci intorno all’albero portano lo spirito natalizio all’interno delle nostre case. Quest’anno, grazie a Twinkly, prodotto dalla startup italiana Ledworks, sarà possibile impostarle direttamente dallo smartphone, comodamente seduti sul divano. Basterà infatti un’app per dare sempre una nuova atmosfera alla stanza, regolando effetti e animazioni.

[vimeo id=”185305782″]

Come funziona Twinkly

Il sistema è intuitivo e si muove all’interno di quello che abbiamo imparato a conoscere come internet delle cose. Twinkly comunica con la centralina elettrica che, a sua volta, trasmette l’impulso inviato dal telefono alle lampadine a LED. Lampadine che possiedono un particolare circuito integrato che trasforma i comandi ricevuti. Il prodotto è reduce da una campagna crowdfunding, su Kickstarter, che ha ottenuto oltre 50mila euro.

5b7864eb9276e5fb79deda265f3350bd_original

Effetti personalizzati

Non è da sottovalutare anche l’aspetto creativo. Ogni utente, infatti, può personalizzare le proprie creazioni e condividerle sui social. Un modo per renderle disponibili a tutti sotto forma di gif animata. Le luci di Twinkly sono attualmente disponibili nei vari store tecnologici ma possono essere acquistato anche su Amazon per 59 euro. L’app, disponibile per iOS e android, è totalmente gratuita.

twinkly

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore