video

Il robot che ricostruisce le storie dei fiumi studiandone i ciottoli | Video

Questo robot fa parte di un progetto di ricerca che unisce insieme automazione industriale e ricerca accademica. Studia, analizza, estrae informazioni dai ciottoli per capirne età e tipologia. E poi li allinea ricostruendo la storia del fiume da dove sono stati estratti.

Jller è un robot che ordina ciottoli. Ma non ciottoli qualunque. Quelli che fanno parte di un determinato ambiente e che appartengono a specifiche età geologiche. Le pietre sono state recuperate da un affluente del Danubio, Jller, che scorre vicino a Ulm, in Germania. La macchina fa parte di un progetto di ricerca che unisce insieme automazione industriale e ricerca accademica.

[vimeo id=”167126696″]

Il progetto di selezione

Avviene in maniera precisa. Ogni elemento viene recuperato e sistemato in base alla sue caratteristiche. Jller analizza l’immagine della pietra che seleziona estraendo le informazioni che gli servono per il riconoscimento: dal tratto dominante alla composizione dei colori, dalle linee agli strati, dai modelli alla composizione della superficie. Un modo per dedurne epoca e tipologia. Una volta completata questa fase, il robot metterà insieme le pietre affini. Un processo che aiuta a capire le caratteristiche del corso d’acqua e a ricostruirne la storia.

jller4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup