video

Il robot che ricostruisce le storie dei fiumi studiandone i ciottoli | Video

Questo robot fa parte di un progetto di ricerca che unisce insieme automazione industriale e ricerca accademica. Studia, analizza, estrae informazioni dai ciottoli per capirne età e tipologia. E poi li allinea ricostruendo la storia del fiume da dove sono stati estratti.

Jller è un robot che ordina ciottoli. Ma non ciottoli qualunque. Quelli che fanno parte di un determinato ambiente e che appartengono a specifiche età geologiche. Le pietre sono state recuperate da un affluente del Danubio, Jller, che scorre vicino a Ulm, in Germania. La macchina fa parte di un progetto di ricerca che unisce insieme automazione industriale e ricerca accademica.

[vimeo id=”167126696″]

Il progetto di selezione

Avviene in maniera precisa. Ogni elemento viene recuperato e sistemato in base alla sue caratteristiche. Jller analizza l’immagine della pietra che seleziona estraendo le informazioni che gli servono per il riconoscimento: dal tratto dominante alla composizione dei colori, dalle linee agli strati, dai modelli alla composizione della superficie. Un modo per dedurne epoca e tipologia. Una volta completata questa fase, il robot metterà insieme le pietre affini. Un processo che aiuta a capire le caratteristiche del corso d’acqua e a ricostruirne la storia.

jller4

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti