Design

U.F.O. La casa galleggiante (a forma di disco volante) ideata da un italiano

Vivere dentro un Ufo. E per di più, in mezzo al mare. Sì perché la nuova abitazione futuristica – ma anche un resort o albergo di lusso – ideata dal viterbese Pierpaolo Lazzarini ha proprio la forma di un disco volante e riesce a galleggiare, rimanendo per metà sott’acqua. Pronta una campagna di crowdfunding per iniziare a vendere pacchetti weekend sull’Ufo 2.0.

Ipotesi, avvistamenti, segnalazioni. Ormai è certo. Gli UFO sono tra noi. Non parliamo però di oggetti volanti non identificati, ma più precisamente di Unidentified Floating Object. Sì, perché l’UFO in questione non vola, ma galleggia sull’acqua. E non arriva da chissà quale galassia, ma dalla mente del viterbese Pierpaolo Lazzarini, che con la sua Lazzarini design aveva già sviluppato la Jet capsule, un’avveniristica imbarcazione che ha riscosso, negli scorsi anni, un grande successo in tutto il mondo.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/ECLg053YlMM”]

Una vera e propria casa galleggiante

Eccolo tornare oggi con un progetto ancor più ambizioso: l’UFO 2.0. “Si tratta di una struttura galleggiante che ho pensato perché vivere nel mare mi affascina”, dice lo stesso Lazzarini. Una casa dal futuristico aspetto di un disco volante, alimentata dall’energia del sole, dell’acqua e del vento. Potrebbe diventare un’abitazione (extralusso), ma anche un resort o un albergo. “Da posizionare dove si vuole – spiega –  e dotata di terrazza e ambienti subacquei: mi dà l’impressione di essere un porto fantastico dove vivere”.

(Foto: Lazzarini Design)

Alimentata da sole e vento

La casa UFO è totalmente green: “Ci sono 16 batterie che alimentano i due motori elettrici – continua Lazzarini – ognuna con un’ora di autonomia”. Tramite un pannello solare di circa 40m² situato sul tetto e le turbine eoliche ed idroelettriche poi, si potrà attivare la ricarica, per avere un’autonomia infinita.

(Foto: Lazzarini Design)

Sì perché, con la casa UFO si potrà anche solcare (lentamente) i mari, ad una velocità di circa 9 nodi. Inoltre, a bordo sarà presente un generatore capace di convertire l’acqua del mare e quella piovana, in acqua potabile. Oltre che essere consumata dai passeggeri, potrà essere usata per annaffiare automaticamente le piante collocate sul ponte principale.

(Foto: Lazzarini Design)

Entro il 2018 weekend di lusso a bordo dell’UFO

La futuristica casa dovrebbe avere una superficie di oltre trecento metri quadrati. Due gusci semisferici realizzati in fibra di vetro formano i due piani della struttura. In quello superiore troviamo cucina, sala da pranzo e un piccolo soggiorno, mentre sotto il livello del mare ci sono il bagno e la camera da letto, dalla quale si potrà ammirare il fondale grazie a delle ampie vetrate.

(Foto: Lazzarini Design)

Lazzarini ha fatto anche i conti: per la realizzazione “servono 350 mila euro per la vetroresina, più gli allestimenti. Alla fine, credo un milione”. Ovviamente, si cercano investitori. Intanto è pronto a lanciare una campagna di crowdfunding su Kickstarter. “Iniziamo a vendere le notti – spiega – Si vuole fare un weekend sull’Ufo 2.0? Si avrà diritto a essere tra i primi ad alloggiarvi”. Cominciate a prenotarvi. Il check-in scatterà non prima del 2018.

@antcar83

Un Commento a “U.F.O. La casa galleggiante (a forma di disco volante) ideata da un italiano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore