Smart Mobility

Pontevedra, la città che è riuscita (in 15 anni) a dire addio alle automobili

In Galizia, nel nord della Spagna, c’è una città che è riuscita a diventare quasi del tutto pedonale. Si chiama Pontevedra, ha 83mila abitanti e un’aria che profuma di oceano. Tutto grazie a un Sindaco che da 15 anni ha deciso di cambiare le cose (e oggi ne raccoglie i frutti).

Non è una cosa facile liberarsi dallo smog, dalle automobili, dai parcheggi, dal traffico. Eppure, in Galizia, nel nord della Spagna, c’è una città che ci è riuscita, diventando quasi completamente pedonale. Si chiama Pontevedra, ha 83mila abitanti e un’aria che profuma di oceano.

 Pontevedra

Come eliminare 27mila automobili in 15 anni

Per riuscirci, come racconta Adnkronos, ci sono voluti 15 anni e un sindaco, Miguel Anxo Fernandez Lores, capace di rivoluzionare l’anima della città. Quando ha iniziato ad amministrare, nel 1999, oltre 27mila automobili transitavano per la piazza centrale, inquinando e stravolgendo la vita delle persone. Oggi, dopo alcune riforme e un impegno costante, la situazione è profondamente cambiata: la circolazione è consentita solo in una zona molto ristretta dell’intero perimetro cittadino, con un limite di velocità fissato tra i 20 e 30 km/h.

L’unico parcheggio disponibile dista a dieci minuti a piedi dal centro storico ed è gratuito.

lores

Fonte: diariodepontevedra.galiciae.com

Un po’ di dati

I benefici per la popolazione sono davvero incredibili. Il traffico è calato del 90% nel centro della città e, attualmente, il 70% degli spostamenti avviene a piedi o in bicicletta. L’inquinamento? Ridotto del 65% mentre il numero degli incidenti è passato dai 1.203 del 2000 ai 484 del 2014.

Tutto senza che il commercio o le attività private ne risentissero. Anzi, questo riconoscimento ufficiale di “città sostenibile” sta attirando sempre più turisti da tutta Europa. Per ultimo, ma certamente non meno importante, sta il fatto che la riqualificazione urbana ha permesso di aumentare gli spazi verdi e le aree di gioco per i bambini, ora più liberi di correre e meno soggetti a rischi e pericoli.

Metrominuto traz-1

App e percorsi (da fare a piedi)

Ma non è finita qui. Oltre ad aver migliorato la salute dei suoi abitanti, l’amministrazione comunale ha deciso di dar vita a dei servizi innovativi che potessero venire in auto di residenti e turisti. Ad esempio, Metrominuto, un’app che è in grado di calcolare tempi di percorrenza, a piedi, tra i vari luoghi della città. Un esempio che ha ispirato anche Cagliari e Firenze.

Pasominuto, invece, è una raccolta dettagliata di venti itinerari che possono essere fatti all’interno della città. Con tanto di riferimento specifico riguardo a passi fatti e calorie bruciate. Un modo per restare in forma ed essere pienamente consapevoli dell’efficacia di queste passeggiate tra arte e modernità.

pasominuto_grand_int-725x1024

E ora arrivano i premi

Quello di Pontevedra è un cambiamento radicale che è stato apprezzato soprattutto dai suoi abitanti. E non sorprende affatto che Lores sia arrivato al suo quinto mandato politico consecutivo. In più, negli ultimi anni, Pontevedra ha ricevuto numerosi attestati di stima e qualche premio internazionale: ad esempio, nel 2013, ha ottenuto l'”Onu-Habitat” per la qualità urbana e le politica per l’accessibilità o, nel 2015, il premio internazionale di eccellenza urbana del Center for Active Design a New York. Questo dimostra che un cambiamento dunque è possibile. Ma ci vuole programmazione, impegno e tanta pazienza.

Alessandro Frau

@ilmercurio85

Ti potrebbe interessare anche

Carbon Engineering, il muro canadese che trasforma l’inquinamento in combustibile

Una startup canadese ha costruito un muro modulare che riesce ad assorbire l’inquinamento causato dalle città o dalle autostrade per trasformarlo in carburante a bassissimo costo. E per farlo imita gli alberi.

Chi è Boyan Slat, il ventenne che pulirà gli oceani dalla plastica

A 17 anni stupì il mondo con un progetto innovativo. Dopo tre anni di studi e 2 milioni di dollari dal crowdfunding, Boyan Slat è pronto: dal 2016 la sua The Ocean Cleanup inizierà a pulire gli oceani dalla plastica.

Directa Plus, l’azienda lombarda che depura le acque inquinate usando il grafene

L’azienda di Como ha deciso di utilizzare il grafene per le sue portentose capacità di assorbimento. E dopo aver ripulito un lago in Romania, è pronta a far partire la sperimentazione sul lago di Como. “È un superassorbente cinque volte più potente delle tecnologie tradizionali”, dice Giulio Cesareo, ad dell’azienda.

Ha foglie intelligenti e radici smart la pianta-robot che combatte l’inquinamento

Si chiama Plantoid la pianta artificiale amica dell’ambiente realizzata dagli esperti italiani di microrobotica. Potrà essere usata per la bonifica dei suoli inquinati, ma anche in operazioni di ricerca e soccorso, in campo chirurgico e per l’esplorazione spaziale.

Piccole, numerose e specializzate nel gaming: il ritratto delle scaleup finlandesi

Secondo il rapporto di Mind The Bridge e Startup Europe Partnership il 18% delle realtà imprenditoriali del Paese nordico è attivo nei videogiochi. Notevole anche l’interesse estero sulla tecnologia prodotta, con 48 acquisizioni negli ultimi 6 anni

Con Alfonsino ordini il cibo sulla chat di Facebook

La startup di Caserta ha sviluppato una piattaforma che ha l’obiettivo di raccogliere ordini per i prodotti dai migliori ristoranti cittadini. Grazie solo a due chiacchiere su Facebook Messenger