Eventi

A Milano c’è un “caffè sospeso” anche per la tua startup (ovvero, il martedì sai dove trovarci)

StartupItalia! esce dal web, dai social e dalle redazioni e incontra le startup (che a loro volta fanno networking). Oggi, alla Ford Social Home di Milano, la prima The Next Tech Breakfast, con 3 progetti di eHealth: Opendot Lab, Mivoq e MarioWay

C’è un’antica tradizione nei bar napoletani, si chiama il caffè sospeso, ovvero consumare la propria colazione e lasciare un altro caffè, già pagato, per chi ne ha più bisogno. Un atto anonimo di umanità verso chi magari non può permetterselo, e una tradizione che va avanti ancora oggi: c’è chi appende un cartello che indica quanti sono i caffè sospesi, oppure solitamente si usa domandare “c’è un caffè sospeso per me?”.

Da oggi anche StartupItalia! (in collaborazione con Ford), ha deciso di lasciare un caffè sospeso per i disruptors (ma non solo): esce dalle redazioni di Roma e Milano, dagli account Twitter e Facebook suoi e dei giornalisti, e il martedì vi invita a colazione.

Cos’è The Next Tech Breakfast

Una colazione con la community, una colazione networking: le The Next Tech Breakfast. Un’occasione per chi crede che con la tecnologia si possa cambiare davvero, in meglio, il mondo.

Il Ceo di StartupItalia!, David Casalini

Il Ceo di StartupItalia!, David Casalini

E succede tutto in una “casa” super tecnologica, la Ford Social Home di via Gonzaga 7, a un minuto dal Duomo di Milano (la location l’ha scovata per Ford una startup, What A Space, dove da oggi, per quattro martedì, sarà possibile scambiare quattro chiacchiere con chiunque vorrà raggiungerci (ovviamente dopo essersi registrati).

Un’occasione per chi fa startup, per i makers, per gli innovatori sociali di presentare le proprie idee e i propri progetti e farsi conoscere a noi, agli investitori e a diversi attori dell’ecosistema italiano dell’innovazione che di volta in volta parteciperanno all’happening.

Dura tutto novanta minuti, come una partita di calcio. Con un primo tempo dedicato a conoscere (meglio, far conoscere) 3 startup, il secondo tempo dedicato al networking.

C27QX3NXgAE7LDa.jpg_large

La prima delle quattro colazioni, introduttiva ed esplorativa, dopo gli interventi del Ceo di StartupItalia, David Casalini e del segretario dell’associazione Italia Startup, Federico Barilli, ha avuto come tema una delle grandi sfide che, sotto il cappello forse troppo generico di “eHealth“, sta attraversando e legando quasi indissolubilmente due mondi, quello della medicina con quello della tecnologia, mettendo insieme clinici e ingegneri, makers, sviluppatori, designers.

Le prime 3 startup a colazione con StartupItalia! e investors

Quell’innovazione che migliora la vita delle persone, come i primi 3 progetti presentati oggi: Opendot Lab, il fablab milanese fondato da Enrico Bassi, che in collaborazione con la Fondazione Tog diretta da Antonia Madella Noja, usa  la progettazione e la stampa 3D oggetti per aiutare e migliorare l’interazione dei bambini che soffrono di rare patologie neurologiche con oggetti di uso quotidiano, come una penna.

Oppure ancora Mivoq, la startup nata a Padova da un progetto di ricerca sulla sintetizzazione vocale del Cnr e che vuole restituire una “identità vocale” a chi una voce, purtroppo, non ce l’ha più o ha gravi difficoltà a usarla, pensiamo a esempio ai malati di Sla, giusto per citare un caso noto. Ebbene, la tecnologia dietro il progetto presentato oggi da Giulio Paci è in grado, partendo da un campione anche di soli 3 minuti di registrazione, di campionare e digitalizzare la voce di un bimbo di 7 anni.

E in ultimo, una vecchia conoscenza per l’ecosistema startup italiano, MarioWay di Mario Vigentini, la carrozzina smart che anziché essere anziché esser controllata portando le braccia sulle ruote (come avviene in quelle tradizionali) o con un joystick (per quelle elettriche), è azionata da piccoli movimenti del tronco, ed è anche in grado di sollevare la seduta portando l’utilizzatore quasi in posizione eretta. La startup, peraltro, è una delle prime aziende italiane ad aver raggiunto lo status di b-corp, benefit corporation.

Simbolicamente, oggi tre storie, tre progetti, tre startup hanno trovato un caffè sospeso. Il prossimo potrebbe essere il tuo.

@aldopecora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»