Lifestyle

H&M ha creato una linea di abiti fatti con la plastica recuperata dagli oceani

Il colosso svedese lancerà ad aprile una linea di abiti realizzati in Bionic: un tessuto che sembra chiffon ma che in realtà deriva dai rifiuti plastici marini

A primo impatto sembra seta, ma il tessuto della gonna vaporosa che sulla modella appare quasi come una nuvola è fatto in realtà di bottiglie e plastica recuperate dalle spiagge e dai mari. Il colosso del fast fashion svedese H&M ha svelato un pezzo della prossima collezione della linea Conscious, in commercio da aprile: abiti e accessori realizzati con un materiale speciale e super tech che ricicla i rifiuti marini e li porta a nuova vita. Si chiama Bionic, l’azienda fondata da Tyson Toussant che trasforma la plastica in filato e che è stata scelta da H&M per la Conscious Exclusive Collection che verrà lanciata il prossimo 20 aprile.

01-embed-hm

Dalla bottiglia alla gonna

Bottiglie di plastica, buste della spesa, contenitori: tutta la plastica galleggiante che inquina i mari viene rimaneggiata e riciclata da Bionic. Ma attenzione: a differenza degli altri tessuti derivanti da fibre plastiche – come ad esempio il pile – il Bionic permette di confezionare una gamma ampia di abiti anche molto morbidi e setosi, come gli abiti da cocktail o da sera. Il pezzo forte della nuova collezione di H&M, infatti, è un abito lungo con rouge e plissettatura, elegante e molto leggero. Nella campagna di lancio è indossato dalla modella Natalia Vodianova. 

 Natalia Vodianova.

Natalia Vodianova.

La necessità di una moda consapevole

E’ la prima volta che H&M impiega il Bionic: ogni anno l’azienda cerca nuovi materiali per le sue collezioni conscious, nello scorso di unire le nuove tecnologie a sistemi di produzioni più sostenibili per il fashion system. Tra l’inquinamento che sale e il riscaldamento globale come conseguenza, l’azienda svedese si spende già da qualche tempo in progetti di riciclo di abiti e collezioni marcate con l’etichetta “conscious” che vorrebbe dire fatte con coscienza, e cioè utilizzando procedimenti industriali e materiali poco inquinanti. L’azienda sembra che voglia scontare il fatto di essere il vessillo della moda usa e getta, a prezzo stracciato, da comprare e buttare la stagione successiva. I suoi sforzi per la raccolta di abiti usati nei punti vendita, però, ci sono: secondo i dati di H&M del 2015, il 20% della produzione totale è composto da abiti riciclati o realizzati da materiali sostenibili e il colosso svedese è diventato uno dei più grandi compratori di cotone organico al mondo. L’obiettivo che H&M si è dato è quello di vendere il 100% di prodotti in cotone sostenibile entro il 2020.

@carlottabalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito