Lifestyle

La pista ciclabile sospesa più lunga del mondo ha aperto in Cina

Nella città di Xiamen, i ciclisti possono pedalare sospesi per circa 8 chilometri

Oltre 8 chilometri di pista sospesi nel vuoto. La nuova pista ciclabile aperta nella città cinese di Xiamen darà la sensazione di volare a chi la percorrerà, passando sopra auto e case, ma soprattutto sopra il traffico cittadino. Una soluzione per agevolare la vita quotidiana e gli spostamenti tra casa e ufficio ma anche per diminuire i livelli di inquinamento ormai altissimi in Cina, promuovendo l’uso delle due ruote. Circa 8 anni fa, un gruppo di studenti di Xiamen aveva proposto il design per una nuova pista sospesa nella città, in modo che potesse restare sempre sopraelevata rispetto agli autobus e alle macchine. Il comune alla fine ha deciso che il progetto si sarebbe fatto, ed oggi la pista è realtà.

La pista è la più lunga al mondo tra quelle sospese. Ha 11 uscite che sono direttamente collegate a snodi di trasporto pubblico. Anche chi non possiede una bicicletta può usufruire della pista, affittandone una sul posto: una soluzione pratica per chi ha bisogno di muoversi velocemente o di raggiungere in fretta una stazione della metro. Si affittano le due ruote e si raggiunge la fermata passando sopra il traffico. Nell’ora di punta questa pista può ospitare circa 2000 bici ogni ora, e i cancelli delle entrate si chiudono automaticamente appena diventa troppo “affollata”.

@carlottabalena

a-view-of-the-worlds-longest-aerial-bike-that-will-open-before-chinese-new-year-2017-in-xiamen-china

bike-path-china-2-compressor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup