Tecnologia

Una startup ha realizzato la casa che si stampa in 3D in un giorno e con 10 mila dollari

La Apis Cor ha stampato una casa di 38 metri quadri in Russia, con un braccio-robot che ha finito il lavoro in 24 ore

Il do-it-yourself all’ennesima potenza è sintetizzato in una casa da 40 metri quadri che chiunque può costruire con le proprie mani, in un solo giorno. Per metter su una casetta di queste dimensioni, un amante di bricolage impiegherebbe almeno un paio di mesi, e spenderebbe parecchi soldi in materiali. Ma una startup di San Francisco ha resto l’impresa molto più facile ed economica: la Apis Cor ha costruito in Russia, a Stupino, a sud di Mosca, una casa di circa 38 metri quadrati in un solo giorno di tempo e spendendo 10.134 dollari in materiali. Niente travi e martelli però: lo ha fatto usando una enorme stampante 3D. 

Una casa stampata

La casa è rotonda, e questo ha certamente agevolato le tempistiche: la stampante 3D era stata programmata apposta dalla Apis Cor per produrre una abitazione circolare. Filando uno strato di cemento dopo l’altro, il robot ha dato forma all’abitazione, alla cui costruzione ha collaborato un’azienda edile russa, la PIK Group. Le pareti sono state stampate come un doppio strato: tra lo strato esterno e quello interno la stampante ha lasciato uno spazio, che la startup ha riempito con alcuni materiali di rinforzo per isolare la struttura e renderla più resistente. Una volta realizzata la struttura, sono state aggiunti vetri alle finestre e varie finiture, fino a una accesa vernice gialla esterna. 

Spazi organizzati

All’interno c’è una piccola divisione tra la cucina e il soggiorno che può fungere anche come camera, mentre all’esterno c’è anche un piccolo patio coperto davanti alla porta d’ingresso. I materiali per fondamenta, muri, isolamento e finiture sono costati intorno ai 10 mila dollari, dice la startup, secondo la quale una casa con le stesse dimensioni ma di forma quadrata costerebbe anche meno. “Si può fare di ogni forma – si legge dal sito della startup – questa tecnologia non ha restrizioni in quanto a design, bisogna tener conto solo delle leggi della fisica, per il resto c’è solo un gran potenziale nel settore delle soluzioni architettoniche”. Nel video di seguito si può vedere il processo di costruzione della casa.

@carlottabalena

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.