Tecnologia

Airselfie, il microdrone che si mette sulla cover del telefono per autoscatti da qualsiasi angolazione

Il dispositivo è frutto di un’idea di Edoardo Stroppiana che con il suo team di lavoro ha realizzato un prototipo e lanciato il prodotto su Kickstarter. Il prodotto è già stato valutato 50 milioni di dollari

Un microdrone tascabile che consente di scattare selfie da qualsiasi angolazione usando solo il cellulare. È questo AirSelfie, un dispositivo made in Italy che si integra nella cover dello smartphone e che può volare fino a 20 metri di altezza permettendo anche le inquadrature considerate impossibili a chi ha la passione per gli autoscatti. Niente a che vedere con le limitate possibilità offerte dal celebre bastone di solito usato per reggere lo smartphone.

Il progetto lanciato su Kickstarter

Il progetto parte da un’idea di Edoardo Stroppiana, 29 anni, che appartiene alla famiglia degli imprenditori della Mondo, azienda di produzione di palloni da calcio e piste di atletica. Il team di Airselfie ha lavorato tra Milano, Londra e Shanghai per arrivare a un prototipo. Poi ha presentato il prodotto su Kickstarter allo scopo di ottenere supporto grazie al crowdfunding. L’obiettivo di raccolta è stato raggiunto in sole 72 ore. Airselfie ha incuriosito e spinto 2.700 persone ad ordinare il prodotto per una somma complessiva di 574 mila euro. Per ricevere a casa il kit di AirSelfie servono 179 euro.

La tecnologia di AirSelfie

Airselfie combina la tecnologia di volo di potenti turboeliche e fotocamere ultraleggere in alta definizione con sistemi di stabilizzazione in volo.

Può stazionare in aria per tre minuti e può essere controllato grazie a una app disponibile per dispositivi Android e iOs.

Il case in alluminio pesa solo 61 grammi e il dispositivo si può ricaricare in maniera semplice in trenta minuti. Le situazioni in cui è possibile usarlo sono diverse, sia all’interno che all’esterno. Può essere impostato in tre modalità: la modalità selfie che permette di muovere il dispositivo in due direzioni, vicino o lontano da chi scatta; la modalità selfie motion control che prevede di manovrare AirSelfie con il joystick fornito dall’applicazione; infine la modalità volante che consente di scegliere la posizione aerea più adatta per lo scatto e far volteggiare in quel punto AirSelfie. Una volta scattata la foto, AirSelfie può atterrare sul palmo della mano o essere preso mentre è ancora in volo per tornare nella sua cover.

Un prodotto valutato 50 milioni di dollari

AirSelfie ha attirato anche l’attenzione del gruppo Grant Thornton Financial Advisory Services che ha deciso di supportare i soci fondatori di AirSelfie nella ricerca di nuovi capitali. Il progetto è stato quindi sottoposto a un market test e sono stati coinvolti diversi investitori finanziari che hanno deciso di scommettere sull’idea. Il prodotto è già stato valutato intorno ai 50 milioni di dollari.

 

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti