APP

ByCycling, l’app che fa guadagnare chi va al lavoro in bicicletta

I datori di lavoro possono tenere traccia del viaggio quotidiano dei pendolari e assegnare dei bonus economici ai dipendenti in base ai chilometri effettuati sulle due ruote. L’agenzia Acato in Olanda sta già sperimentando l’iniziativa che aiuta la produttività

Per rendersi conto che le biciclette sono un mezzo di trasporto molto diffuso in Olanda, basta fare una passeggiata nel centro cittadino di Amsterdam e accorgersi di dover stare attenti più alle due ruote che alle quattro quando si decide di attraversare la strada. La nuova frontiera, però, è un’app che permette ai datori di lavoro di invogliare ancora di più l’uso della bici da parte dei loro dipendenti con incentivi economici. La prima azienda a sperimentare ByCycling è l’agenzia digitale olandese Acato: grazie all’applicazione è possibile seguire il percorso casa-ufficio dei pendolari, individuare quelli che viaggiano in bici e premiarli per la loro scelta sostenibile.

Dipendenti più in salute e più produttivi

Il vantaggio per l’azienda è avere dipendenti in salute. «Sappiamo che le compagnie vogliono investire nella creazione di uno stile di vita sano per la loro forza lavoro. In questo modo possono risparmiare sui congedi per malattia e ottenere più produttività», ha detto a Fast Company Jose Diaz, co-founder e ceo della startup che ha sviluppato l’app. L’algoritmo che permette di seguire il viaggio quotidiano dei lavoratori, registrandone la velocità, stimola anche la competizione tra i dipendenti. «Abbiamo rilevato che il 70 per cento delle persone pensa che il migliore incentivo all’utilizzo della bicicletta per andare al lavoro sia il denaro», ha aggiunto Diaz.

Guadagnare pedalando

Il meccanismo che consente di monetizzare la propria attività sulle due ruote è semplice: alla fine del mese ogni dipendente può convertire i chilometri percorsi in bici in bonus economici o in tempo libero. La cifra media versata dalla società è di 25-30 centesimi al chilometro. Chi pedala per andare al lavoro tutti i giorni può ottenere circa 50 dollari al mese. Al momento l’applicazione è disponibile solo per iPhone e un terzo dei dipendenti di Acato l’hanno già scaricata. Anche l’azienda di telecomunicazioni Kpn ha deciso di sperimentare il sistema e sta già osservando alcuni dipendenti preferire la bici ai mezzi pubblici almeno una volta a settimana.

Un sistema a misura di bicicletta

Esperimenti simili a quelli di ByCycling sono già stati fatti in Francia dove il bonus per i dipendenti è arrivato a 43 centesimi al chilometro, anche se il numero delle adesioni al progetto è stato contenuto (solo 200 su 8000 hanno deciso di partecipare). Perché funzioni davvero in un paese, però, c’è bisogno di un sistema di strade a misura di bici. Il progetto dovrebbe prevedere anche l’esistenza di docce e spogliatoi nelle aziende. E sopratutto non dovrebbero esistere incentivi all’utilizzo dell’automobile: la presenza di un parcheggio gratuito per le quattro ruote da solo supera qualsiasi tipo di bonus economico legato all’uso della bicicletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore