Robotica

Una casa stampata in 3D in sole 8 ore. La sfida della startup Passivdom

Per una struttura di 35 metri quadri si pagano 31.900 dollari. Gli edifici sono completamente autonomi dal punto di vista energetico e sono trasportabili. Si può abitare nei boschi e sulla costa senza doversi preoccupare delle bollette dell’acqua o della luce

La stampa in 3D nelle costruzioni non è certo una novità. Ormai la gara è sul tempo che serve ad ottenere il risultato. La startup ucraina Passivdom ha realizzato un robot in grado di stampare un’abitazione in sole 8 ore. Oltre all’innovazione nella tecnica di realizzazione della struttura, Passivdom è all’avanguardia anche per la sostenibilità ambientale: ogni casa è completamente autosufficiente dal punto di vista energetico: energia solare pulita, rigenerazione dell’acqua, controllo della qualità dell’aria e dell’ossigeno.

Foto: Passivdom

Una casa di 35 metri quadri in 8 ore

Il robot è in grado di stampare i muri, il tetto e il pavimento di un edificio di circa 35 metri quadri. L’intervento umano è richiesto solo per l’installazione di finestre, porte, tubature e sistemi elettrici. Quando sono complete, le case possono essere spostate. Questo significa che non devono essere collegate alla rete idrica o a quella elettrica. Una grossa batteria provvede a immagazzinare tutta l’energia di cui la struttura ha bisogno mentre un serbatoio raccoglie l’acqua dall’umidità presente nell’aria. La casa è autonoma anche dal punto di vista della rete fognaria. La startup offre una garanzia di 40 anni sulla sua produzione.

Foto: Passivdom

La stampa in 3D avviene nei laboratori di Passivdom in Ucraina e in California. I materiali utilizzati sono le fibre di carbonio, il poliuretano, le resine, le fibre di basalto e le fibre di vetro. Il tempo minimo perché i bracci robotici possano realizzare la struttura è otto ore. Per i modelli più articolati servono 24 ore. Per le case grandi con molte personalizzazioni può essere necessario anche un mese.

Progetti personalizzabili

Si può acquistare una casa di Passivdom a partire dalla cifra di 31.900 dollari. È possibile ordinarla online in Ucraina e negli Stati Uniti. Entro la fine del 2017 verranno consegnate le prime costruzioni. Una volta entrati nella casa ci si trova davanti un open space con una piccola cucina e larghe vetrate che occupano tutta una parete. Il modello base è un monolocale. La stanza da letto non è quindi in uno spazio separato, ma si dorme su un divano letto. Vicino alla cucina c’è poi un piccolo bagno. Sono a disposizione anche modelli più complessi e comunque è possibile richiedere delle personalizzazioni dei progetti. Quanto all’arredamento, viene fornito solo alle versioni premium. «Dovremmo avere l’opportunità di vivere nella natura, lontani dalla civilizzazione, ma con i confort di una casa tradizionale. Questa tecnologia ci permette di vivere nei boschi, sulle montagne o sulla costa, lontano dalle persone o dalle infrastrutture», ha spiegato a Business Insider la designer Maria Sorokina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli innovatori digitali a raccolta per la quinta edizione della Maker Faire Rome

Dall’1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma la Camera di Commercio, attraverso Innova Camera, organizza l’evento che toccherà, tra le altre cose, le tematiche dell’industria 4.0, dell’internet delle cose, dell’artigianato. Sul sito le call aperte per maker, scuole e università

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale