smart cities

La prima città galleggiante al mondo sarà in Polinesia francese

Artisanopolis sarà sostenibile e autosufficiente, con palazzi, strade e pannelli fotovoltaici dislocati su una serie di piattaforme galleggianti. Sarà inaugurata nel 2019.

Resilienza è la capacità di far fronte in maniera positiva alle difficoltà. Ingegnarsi per ripartire anche a seguito di eventi imprevisti e traumatici. Come nel caso della Polinesia francese che sarà il primo paese ad ospitare una città galleggiante. La Polinesia francese si trova a fronteggiare un problema non da poco: trovare un’alternativa sostenibile alla terraferma, minacciata dal riscaldamento globale e dal conseguente innalzamento del livello del mare.

(Foto: Huffington Post)

Abbandonare la terraferma entro il 2019

Secondo i dati ufficiali della NASA il 2016 è stato l’anno più caldo mai registrato. Continuando così, con l’innalzamento esponenziale del livello dell’oceano – circa otto centimetri in più negli ultimi due decenni – i due terzi del territorio polinesiano rischiano di essere sommersi dalle acque, in pochi anni. Ecco perché il governo locale ha deciso di correre ai ripari. La futuristica soluzione è stata battezzata Artisanopolis. E da quello che si può vedere, si tratta di un insieme di piattaforme galleggianti sulle quali sorgono le abitazioni. Tutti questi moduli dovrebbero essere collegati tra loro, per dare vita a un insediamento urbano sulla superficie dell’acqua.

Nel 2019 via al progetto pilota

Il progetto è stato realizzato dal San Francisco Seasteading Institute, che sviluppa da tempo concept per habitat futuristici galleggianti e ha siglato un protocollo d’intesa con le autorità polinesiane. Si inizierà con un piccolo progetto pilota fino ad arrivare al 2019, anno in cui dovrebbe essere inaugurata, secondo le previsioni, la prima città galleggiante, sostenibile e autosufficiente al mondo (sole ed acqua saranno le sue fonti di energia). Secondo Seasteading le acque della Polinesia francese – poco profonde e relativamente calme – sono il luogo ideale in cui erigere un habitat fluttuante permanente. Ma la strada è ancora lunga. I prossimi passi definiti dal protocollo di intesa prevedono infatti studi approfonditi sui possibili impatti economici ed ambientali. Se i risultati saranno convincenti, i lavori potrebbero iniziare già a fine 2018.

(Foto: Seasteading Institute)

Promuovere la crescita del paese

Randolph Hencken, Executive Director di Seasteading, sostiene che il progetto potrebbe essere utile per «promuovere la crescita tecnologica ed economica» del paese. Permetterebbe alla Polinesia francese, come si legge sul sito ufficiale, «di offrire ai turisti un’esperienza unica che contribuirebbe a sostenere economicamente il progetto stesso». Inoltre, una volta superati i test, «si potrebbe immaginare di distribuire questo sistema in altri luoghi, come la città di Miami o il Bangladesh». Si inizierà intanto con la costruzione di piccoli rifugi per i primi residenti. Se non si incontreranno ostacoli, i moduli potranno espandersi fino a dare alloggio a «migliaia di persone».

@antcar83

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli innovatori digitali a raccolta per la quinta edizione della Maker Faire Rome

Dall’1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma la Camera di Commercio, attraverso Innova Camera, organizza l’evento che toccherà, tra le altre cose, le tematiche dell’industria 4.0, dell’internet delle cose, dell’artigianato. Sul sito le call aperte per maker, scuole e università

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale