Realtà Virtuale

Con Expedia visiti la camera d’albergo con la realtà virtuale prima di prenotare

L’azienda leader nel settore delle prenotazioni online ha investito 1 miliardo di dollari nell’implementazione di questa funzione che permette di interagire virtualmente con i luoghi nei quali si ha intenzione di soggiornare

Prenotare una stanza di albergo online è facile. Basta una veloce ricerca sui principali aggregatori di offerte, guardare due o tre foto, informarsi sulla posizione della struttura, confrontare i prezzi. Expedia, uno dei principali siti che permettono di farlo, sta lavorando per aggiungere un’ulteriore funzione: un tour delle camere con la realtà virtuale così da scegliere al meglio. «Se stai prendendo la decisione di prenotare una crociera, non sarebbe bello se tu potessi controllare virtualmente la nave prima di spendere così tanti soldi?», dice Arthur Chapin, vice presidente di Expedia.

Visitare una stanza prima di prenotare

Nella prima sperimentazione dell’iniziativa gli utenti hanno potuto visitare le stanze grazie a un visore e interagire con l’ambiente circostante aprendo le porte e uscendo fuori sul balcone. Expedia ha pensato anche a una guida vocale sull’esempio di Amazon’s Echo e a un chatbot per permettere la comunicazione tra clienti e albergatori in maniera immediata e quasi automatica. Expedia ha investito un miliardo di dollari in questo progetto perché crede nelle sue potenzialità. «Stiamo investendo in ricerca in diversi aspetti della tecnologia e il motivo per il quale lo facciamo è che quando guardi a prodotti di rottura, l’inizio è graduale e poi all’improvviso la rottura avviene. Se non ci stai già pensando è poi difficile adeguarsi», spiega a Mashable Chapin.

L’innovazione in casa Expedia

La realtà virtuale non è, però, l’unica novità che Expedia ha intenzione di introdurre. Si servirà anche dell’elettromiografia per registrare il livello di gradimento del sito da parte degli utenti. Con questo sistema si riescono a rilevare i movimenti facciali di chi visita il portale e si riesce a evidenziare le fasi del processo di prenotazione che infastidiscono di più. Tutto ciò andrà ad incrementare il giro di affari già notevole della società statunitense che controlla anche Hotels.com, Hotwire.com, Egencia, and Venere.com. L’obiettivo è arrivare a gestire 100 miliardi di dollari in ordinazioni entro il 2020. La rivoluzione tecnologica che Expedia punta a introdurre, però, non vuole cancellare del tutto il piacere del viaggio: «Spero che la realtà virtuale fallisca perché voglio che la gente vada fisicamente nei posti. Penso che la realtà virtuale possa giocare un ruolo importante nella nostra ricerca e nella nostra ispirazione a visitare luoghi straordinari del nostro paese», ha detto Dara Khosrowshahi, ceo dell’azienda, durante la conferenza Geekwire technology nel 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli innovatori digitali a raccolta per la quinta edizione della Maker Faire Rome

Dall’1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma la Camera di Commercio, attraverso Innova Camera, organizza l’evento che toccherà, tra le altre cose, le tematiche dell’industria 4.0, dell’internet delle cose, dell’artigianato. Sul sito le call aperte per maker, scuole e università

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale