Tecnologia

Disney ha brevettato il robot che è in grado di abbracciare i bambini

Alcune parti dell’umanoide sono riempite con gas o fluido e permettono movimenti armonici come quelli umani. È dotato anche di membrane flessibili e sensori di pressione per afferrrare oggetti e ottimizzare l’esperienza dell’abbraccio

L’interazione tra uomini e robot potrà presto superare l’ostacolo dell’assenza di affettività. O almeno provarci. Le prime cavie sono i bambini. Dopo il bambolotto che sbrodola o fa la pipì, la nuova frontiera è quella dei robot da abbracciare. Ci ha pensato la Disney che ha depositato un brevetto per la realizzazione di umanoidi dal corpo morbido e dalla pelle soffice per ottimizzare l’esperienza dell’abbraccio. In realtà i robot rimarranno per la maggior parte rigidi. Avranno, però, delle parti vuote da riempire con gas o fluido, membrane flessibili e sensori di pressione. Tutto ciò consentirà di realizzare movimenti armonici.

Screenshot del video di presentazione Disney

Il robot che abbraccia i bambini

Il prototipo di umanoide da abbracciare è stato già testato con i bambini e da casa Disney è arrivata la rassicurazione riguardo al successo dell’esperimento. I ricercatori Alexander Alspach, Joohyung Kim e Katsu Yamane avevano realizzato un piccolo robot della misura di un giocattolo e ne avevano descritto le caratteristiche in un documento del 2015. Il brevetto è stato poi depositato nel febbraio del 2016 anche se la notizia è stata resa pubblica solo nel mese di aprile 2017. Il video di presentazione mostrava un robot in grado di afferrare oggetti e imitare i movimenti umani.

Baymax, uno dei personaggi di Big Hero 6

Il futuro dei parchi divertimento

Lo scopo della multinazionale statunitense sembra essere quello di utilizzare questa innovazione anche nei parchi divertimento di tutto il mondo. È ancora presto, però, per mandare in pensione i grossi personaggi di peluche che di solito si aggirano per le strade di Disneyland che sembrano destinati a sopravvivere. È ancora incerta la forma che potranno assumere i robot umanoidi. Nel brevetto non viene citato nessun personaggio in particolare della lunga tradizione Disney, ma i disegni del progetto che sono stati diffusi fanno pensare a Baymax, uno dei protagonisti di Big Hero 6.

Controllo umano sì o no?

Nel brevetto presentato dal colosso dell’intrattenimento per i più piccoli si accenna anche alla realizzazione di robot in grado di reagire alle carezze e con una pelle dotata di sensori per garantire la sicurezza umana. Si tratta di elaborazioni che, però, renderebbero molto più costoso il prodotto finale che Disney vuole mantenere comunque alla portata di tutti. Non è ancora chiaro quanto di automatico ci sarà in questi umanoidi e quanto invece sia necessario un controllo da parte di una persona. Arstechnica precisa che nel brevetto si fa riferimento alla presenza di un controllore, ma non viene specificato se questa figura sia indispensabile alle azioni e alle reazioni del robot.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli innovatori digitali a raccolta per la quinta edizione della Maker Faire Rome

Dall’1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma la Camera di Commercio, attraverso Innova Camera, organizza l’evento che toccherà, tra le altre cose, le tematiche dell’industria 4.0, dell’internet delle cose, dell’artigianato. Sul sito le call aperte per maker, scuole e università

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale