Scienza

Facebook realizzerà una tecnologia per scrivere con il cervello

Un team di lavoro di 60 scienziati lavorerà nei prossimi due anni a un prototipo che permetta di captare gli impulsi neurali delle persone palalizzate e consenta loro di scrivere fino a 100 parole al minuto

Facebook sta lavorando a un progetto che permetterà di scrivere con il cervello. L’interfaccia cervello-computer sarà elaborata dal gruppo di ricerca Building 8 diretto da Regina Dugan. Un sistema del genere non è contenuto in nessuno studio medico, ma Dugan è convinta di poterlo trasformare presto in realtà. La tecnologia ha lo scopo di captare gli impulsi neurali e di realizzare «un mouse cerebrale per la realtà aumentata», come lo definisce la riceratrice a The Verge. In questo modo verrà definitivamente superata la necessità di rilevare i movimenti del corpo per far funzionare il computer o gli altri dispositivi.

Lo scienziato Stephen Hawking, affetto da sclerosi laterali amiotrofica, comunica grazie a un sintetizzatore vocale.

La “protesi” per parlare

Il progetto di Facebook si rivolge ai pazienti con paralisi e finirà per essere «una protesi del parlato». Nessun rischio di invasione dei pensieri, però. Il timore che Facebook abbia trovato un altro modo per violare la privacy dei suoi utenti non sembra fondato. «Si tratta di decodificare le parole che tu hai già deciso di condividere con l’area del cervello deputata al linguaggio», si legge nel comunicato ufficiale dell’azienda. In altre parole, è come scattare diverse fotografie, ma scegliere di renderne pubbliche solo alcune.

Un sistema non invasivo

Un sistema per la scrittura tramite gli impulsi cerebrali è stato elaborato anche dai ricercatori di Stanford. In quel caso, però, è necessaria l’introduzione di una serie di elettrodi nel cervello per poter captare gli impulsi. In questo modo ogni paziente è in grado di scrivere otto parole per minuto. L’obiettivo del progetto di Facebook è quello di permettere la scrittura di circa cento parole per minuto mentre è esclusa completamente la possibilità di inserire dispositivi all’interno dei crani delle persone. La soluzione è quella delle immagini ottiche che possano trasmettere ai dispositivi elettronici i messaggi da comunicare.

60 scienziati per un prototipo

Il processo potrebbe essere reso possibile da un berretto da posizionare sulla testa, ma si tratta ancora di ipotesi che dovranno essere sviluppate nei prossimi anni. Per il momento Facebook ha creato un gruppo di lavoro di 60 scienziati e ingegneri di diverse università degli Stati Uniti: Berkeley, Johns Hopkins, Washington University. Nei prossimi due anni gli sforzi saranno rivolti alla realizzazione di un prototipo da testare in ambito medico. La prospettiva finale è quella della commercializzazione di un berretto neurale che si basi sulle immagini trasmesse dal cervello.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti