Lifestyle

“Don’t Tap and Drive”, la campagna social di Ford per non distrarsi con lo smartphone alla guida

Secondo una ricerca un giovane europeo su quattro si è scattato un selfie mentre era al volante, non prestando attenzione alla strada. L’azienda automobilistica ha pensato di usare Instragram per sensibilizzare sul comportamento da avere per muoversi in sicurezza

Mandare un messaggio con lo smartphone, controllare la bacheca Facebook, scattarsi un selfie mentre si è alla guida causano un vuoto di attenzione che può andare da 1 a 4 secondi. In altre parole, si percorrono almeno 15 metri senza di fatto guardare la strada. Tre incidenti stradali su quattro avvengono per cause simili. Secondo una ricerca Ford un giovane guidatore europeo su quattro si è scattato almeno una volta una fotografia, distraendosi dalla guida. È per questo che Ford Italia ha lanciato la campagna social “Don’t Tap and Drive”, pensata per la piattaforma di condivisione di foto Instagram.

La campagna social per non distrarsi

Sul profilo Instagram di Ford Italia sono stati pubblicati tre scatti di automobili. Toccando le immagini sullo schermo appariranno una serie di tag che formano le sagome di un cane, di un passeggino e di una persona che corre. Ciascuna nuvoletta rimanda al profilo di un influencer che con una sua foto sostiene la campagna per una maggiore responsabilizzazione alla guida. L’iniziativa rientra nel programma “Driving Skills for Life”, partito in Italia nel 2013 in sette città (Roma, Milano, Napoli, Palermo, Padova, Pavia, Monza). Dsfl ha rappresentato per l’azienda un investimento di circa 12 milioni di euro.

Riconoscere i pericoli al volante

Nel corso di questi quattro anni sono stati circa 2.500 i ragazzi coinvolti nel progetto che punta a evitare distrazioni mentre si è al volante, riconoscere i pericoli in maniera veloce, controllare il veicolo durante le emergenze, gestire gli spazi e la velocità. Sono state fornite informazioni tecniche sulla dinamica del veicolo e su come reagiscono gli pneumatici in determinate situazioni. Nel 2016 l’azienda ha intitolato la campagna di sensibilizzazione “Don’t Emoji and Drive”, mettendo l’attenzione sulle faccine tanto usate nei sistemi di messaggistica.

Imparare a guidare responsabilmente

Nel 2017 Driving Skills for Life farà tappa a Roma e a Palermo per formare più di 650 ragazzi. Il primo appuntamento in programma è a Roma, nell’area antistante la struttura di Eataly Ostiense, il 23 e 24 maggio. Per iscriversi basta andare sul sito www.drivingskillsforlife.it dove è possibile anche vedere alcuni video informativi prodotti dagli istruttori dell’Ovale Blu, con alcune delle tecniche per guidare in maniera sicura. Un esempio: viene simulata con degli speciali occhiali la visuale distorta che si ha quando ci si mette alla guida in stato di ebbrezza. Uno dei comportamenti da evitare.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti