Lifestyle

Pillsy, il coperchio che ti ricorda quando devi prendere le medicine

Il dispositivo si adatta alle confezioni dei medicinali e comunica via bluetooth in modo da segnalare con delle notifiche quando si deve assumere un farmaco ed evitare di assumere una dose doppia

Dimenticarsi di prendere un medicinale è una mancanza a cui la maggioranza delle persone va incontro nella vita. Secondo uno studio realizzato negli Stati Uniti dall’American Medical Association, circa il 60 per cento degli americani deve assumere un farmaco che gli è stato prescritto. Una larga fetta di queste persone dimentica spesso di prendere la dose consigliata. La soluzione potrebbe arrivare dalla startup Pillsy. Il prodotto proposto dall’azienda è un coperchio smart che si adatta alle confezioni delle medicine e funziona grazie a un’applicazione da scaricare sullo smartphone.

Il coperchio controlla le dosi dei medicinali

Il dispositivo è stato lanciato sul mercato a un costo di 39 dollari ed è utilizzabile sia con il sistema iOS che con quello Android. Lo smartphone comunica con il coperchio tramite bluetooth. Una volta che si effettua la registrazione è possibile ricercare informazioni sul medicinale che si deve assumere sul database dell’Fda statunitense (Food and Drug Administration). A quel punto sarà possibile scegliere in che modo ricevere la notifica attraverso un messaggio, una telefonata o uno speciale suono emesso direttamente dalla scatola del farmaco ogni volta che è necessario prenderne una dose.

Prendersi cura di un familiare tramite l’app

Jeff Le Brun, ceo e founder della startup Pillsy, è partito da una considerazione quando ha cominciato a lavorare a questo sistema: «Le persone prendono circa la metà dei farmaci che sono stati loro prescritti». L’imprenditore ha provato prima a lavorare su dispositivi che si indossano ed è poi passato allo sviluppo di un sistema che si applichi direttamente sulla confezione del farmaco. La notifica aiuta a ricordare e l’apertura del contenitore registra quando il medicinale è stato assunto in modo da non poter incappare in una dose doppia. Per le persone che sono responsabili della salute di un proprio familiare, l’applicazione consente di monitorare a distanza l’assunzione del farmaco e di avere notizia di un’eventuale dimenticanza. In futuro potrebbe essere possibile integrare la tecnologia di Pillsy con quella di Alexa, la telecamera di Amazon.

La routine del farmaco

Ogni coperchio può essere di un colore diverso per aiutare a distinguere le confezioni ed è alimentato da una batteria che ha un’autonomia di circa un anno. In realtà prodotti che svolgono più o meno la stessa funzione esistono già sul mercato. PillDrill, per esempio. Questo sistema, però, è pensato per chi deve assumere una notevole quantità di medicinali ogni giorno. Pillsy si adatta meglio alle necessità di chi deve prendere al massimo 7 pillole al giorno e potrebbe quindi tornare utile per gran parte della popolazione. Il dispositivo è in grado di raccogliere molte informazioni sulla salute dei suoi utilizzatori. Siccome, però, si parla di dati sensibili, la società si impegna a non trasmettere a terzi queste informazioni.

Galaxy Note 8, tutte le notizie prima del lancio

Dopo la sfortunata storia del Note 7, quest’anno Samsung spera di bissare il successo del Galaxy S8. Con un terminale munito di pennino e accessori omaggio per chi prenota subito

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi