Lifestyle

L’app che ti aiuta ad assistere la famiglia anche da smartphone. famil.care

La startup ha sviluppato una piattaforma digitale che permette di proteggere i familiari anche a distanza e fornisce un servizio d’informazione personalizzabile

«L’idea è nata da un’esigenza personale – spiega Luca Cordone, founder, CEO e chief designer di Easy Life (Luca La Ferla, è l’altro founder e Chief Technology Officer) – perché, come molti altri professionisti, anch’io mi preoccupo per la salute dei miei familiari ma purtroppo sono spesso lontano da loro (mia madre è in Italia, i miei figli vivono in Francia e io lavoro a Londra) così ho pensato a come unire quel mio bisogno di tranquillità alla loro esigenza di muoversi in libertà e alla fine ho trovato la risposta». Con queste parola Luca entra nel dettaglio di famil.care, piattaforma digitale sviluppata da Easy Life che permette di proteggere le persone a noi care, anche a distanza, assistendole in caso di emergenza. Easy Life è una startup che ha mosso i suoi primi passi a Londra all’inizio del 2015.

Assistenza continua, ma discreta

famil.care non si limita a monitorare le condizioni della persona in un determinato ambiente, ma assicura alla stessa un’assistenza continua che la segue senza condizionarne le abitudini.
«Il servizio ha un costo mensile di 5,99 euro, che però si riduce all’aumentare degli utilizzatori. Volevamo che fosse economico e accessibile a tutti perché tutti si preoccupano per la sicurezza dei propri familiari». Un pensiero molto apprezzato dagli utenti finali: già diverse migliaia in appena dieci giorni dal lancio.
«Per ora non possiamo che essere soddisfatti dei risultati raggiunti, soprattutto tenendo conto del fatto che ancora non abbiamo intrapreso una seria campagna pubblicitaria – spiega sempre Concone – ma l’obiettivo per il futuro è raggiungere, grazie anche a marketing digitale e distribuzione condivisa, il milione di utenti entro 2 anni». L’app poggia su una rete server con interfaccia aperta che può essere modellata sulle esigenze individuali: sviluppando il servizio con sensori di varia natura, si potrebbero monitorare aspetti diversi della salute (frequenza del battito cardiaco, livello di zuccheri nel sangue).

Luca Cordone, founder, CEO e chief designer di Easy Life

Come funziona famil.care

famil.care offre un’informazione personalizzabile sulle esigenze della famiglia. Il servizio viene attivato sullo smartphone del care giver (quello che si prende cura degli altri), mentre sul telefono della persona assistita viene creato un profilo subordinato (junior o senior a seconda dei casi) che può essere gestito e controllato da remoto.
Ogni tipo di profilo attivabile ha aspetti diversi e funzionalità: il junior funziona come strumento educativo verificando che non vengano superati i limiti impostati (come quello della velocità in motorino o in auto) e inviando un alert in caso di violazione. Il senior, integrato da un bottone d’emergenza con sensore bluetooth che invia comunicazione ai numeri di riferimento, fornisce una forma di assistenza quotidiana ricordando all’anziano scadenze importanti (come quelle di farmaci e cure mediche). Attività che vengono monitorate attraverso il profilo nexus (quello attivato dal care giver), strumento che permette di regolare i set up d’impostazione e di essere informati in caso di necessità.

 

Galaxy Note 8, tutte le notizie prima del lancio

Dopo la sfortunata storia del Note 7, quest’anno Samsung spera di bissare il successo del Galaxy S8. Con un terminale munito di pennino e accessori omaggio per chi prenota subito

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi