Tecnologia

La casa segue il ritmo del cuore con HearthSwitch

Accendere la tv o la luce, alzare le tapparelle e magari prepararsi un caffè sarà possibile senza muoversi dal letto. L’input partirà direttamente dai battiiti del muscolo cardiaco captati da un braccialetto, un’idea di biodomotica brevettata da Clemente Cipresso e Arturo Verde

Anche il cuore può diventare smart. Come? Grazie a un piccolo dispositivo che intende trasformare le nostre abitazioni seguendo il ritmo del cuore. Si chiama HeartSwitch e permette di attivare o disattivare tutte le apparecchiature elettriche della nostra casa mediante dei segnali che provengono dal muscolo cardiaco. Un sistema di biodomotica frutto del lavoro di Clemente Cipresso, esperto in tecniche di fisiopatologia cardiocircolatoria, e del programmatore informatico Arturo Verde.

(Foto HeartSwitch)

Come funziona HeartSwitch

HeartSwitch nasce soprattutto per aiutare persone con disabilità motorie o pazienti allettati che hanno difficoltà a compiere le più banali azioni quotidiane: accendere o spegnere la luce o la tv, preparare il caffè al mattino, abbassare la suoneria del telefonino prima di addormentarsi, aprire o chiudere le tapparelle. L’idea – che ha immediatamente suscitato l’interesse di numerosi investitori e incubatori di imprese del meridione – è proprio quella di sfruttare il ritmo del cuore per generare gli input naturali in grado di azionare i vari dispositivi. La nostra tv si spegnerà automaticamente quando ci saremo addormentati e gli avvolgibili si alzeranno al nostro risveglio mentre un aroma di caffè inizierà a farsi largo per la casa. Il cuore-interruttore può produrre automaticamente un “alert” al verificarsi di determinati eventi cardiaci, per segnalare un’azione e, dunque, il corretto dispositivo da attivare.

(Foto HeartSwitch)

Un bracciale sensibile ai segnali del cuore

Il kit HeartSwitch è composto da un piccolo bracciale, un software e un adattatore elettrico universale. Il braccialetto è dotato di un circuito elettrico con sensore infrarossi sensibile al battito cardiaco e un modulo di trasmissione  di segnali digitali con tecnologia a basso consumo. «Una volta campionato, il segnale espresso viene elaborato dall’app sul proprio dispositivo mobile collegato in rete LAN (o da remoto) all’attuatore elettrico WiFi che attiva o disattiva i dispositivi», spiega Verde.

(Foto HeartSwitch)

Il futuro della biodomotica

Quello della biodomotica è un settore che nei prossimi anni potrebbe registrare una crescita esponenziale. «Il futuro prevede sempre più interazione delle persone con gli ambienti», afferma Clemente Cipresso. «Non è più la nostra mente ad azionare dispositivi elettrici, ma le semplici variazioni della nostra frequenza cardiaca». Si modifica, cioè, il concetto stesso di Internet delle cose: è il nostro organismo a collegarsi a tutto ciò che c’è intorno. «I segnali arrivano dal cuore, come in questo caso, ma potrebbero arrivare anche dal cervello, dalle cellule o da qualsiasi parte vitale del nostro corpo». Uno degli sviluppi futuri di questa tecnologia potrebbe essere, ad esempio, in campo medico, la trasmissione di segnali in situazioni particolari, come alterazioni dell’attività cardiaca di un paziente e il conseguente invio di un allarme istantaneo al medico per far partire i soccorsi.

Presto su Kickstarter

Intanto il team di Heartswitch è pronto per lanciare il suo prodotto su Kickstarter e arrivare a produrre le prime quattro applicazioni che sfruttano la tecnologia HeartSwitch già a partire dalla prima metà del 2017. Obiettivo: diventare la prima realtà in italiana in grado di realizzare dispositivi elettronici di biodomotica assistenziale basata sulle indicazioni fornite dal cuore.

@antcar83

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito