Sicurezza

Proteggere la tua auto con lo smartphone. Arriva Air, l’app pensata per chi guida

In collaborazione con AXA Italia, la startup di Vigevano garantisce un servizio continuo di assistenza e monitoraggio, consultabile tramite smartphone, sulla vettura del cliente

In un futuro non troppo distante le nostre automobili saranno in grado di guidarsi da sole e gestirsi in totale autonomia. Niente più preoccupazioni per liquido dei freni o usura delle gomme, ma soprattutto niente più timore di furti o danni. Un domani sarà così, ma per oggi vettura e sicurezza restano ancora la fonte principale delle nostre ansie. A darci una mano ci pensa Air, l’app che offre un servizio di assistenza a distanza consultabile comodamente tramite smartphone.

 

Il progetto

Nata a Vigevano nel 2014, la startup si è già imposta all’attenzione del mercato per la sua capacità di rispondere alle esigenze dei vari player. Concessionari d’auto e compagnie assicurative interessate a un efficace strumento di monitoraggio per macchine e assistiti, o anche solo singoli clienti che la notte vogliono dormire sonni tranquilli senza dover pensare alla propria auto parcheggiata in fondo al viale. Tanto che, grazie alla collaborazione con AXA Italia, gruppo assicurativo tra i leader nel settore e partner strategico per lo sviluppo del progetto,  i numeri oggi parlano di oltre 2000 utenti sparsi per lo più nel Nord Italia e di un andamento in continua crescita.

Attraverso una piccola scatola nera collegata al sistema elettronico, Air è in grado di fornire un servizio cloud (Car Beat) all’avanguardia che elabora in tempo reale tutte le informazioni relative alla vettura. A garantire una protezione attiva 24h su 24 ci pensa poi la funzionalità Heart Beat che, in caso di eventi sospetti come tentativi di occultamento del segnale (jamming), invia immediata comunicazione alla centrale operativa e, se necessario, alle forze dell’ordine. Il tutto integrato da un sensore Gps per il rilevamento della posizione (Geo Beat).

Un’insieme di servizi che Igor Valandro, ideatore del progetto, racconta così: “La nostra mission è creare un’intera gamma di prodotti che abbiano valore non solo per il cliente ma che siano un beneficio per l’intera comunità, grazie alla possibilità di far lavorare diverse parti sulla nostra piattaforma”.

 

Air va oltre la sicurezza

Ma le qualità che Air offre non si limitano al solo campo della sicurezza. La startup si occupa anche di gestione spese (Eco Report aiuta a tenere d’occhio i consumi e rispettare l’ambiente), raccolta dati (usando la localizzazione Gps, Trip Report traccia distanza percorsa e durata dei viaggi) e assistenza al cliente (Crash Guard fornisce soccorso da una centrale operativa in caso di sinistro).

Un service integrato che sembra essere molto gradito ai clienti e destare l’interesse delle grandi realtà. E che ha garantito ad Air la partecipazione al DIA (Digital Insurance Agenda), l’evento dedicato alle novità del settore assicurativo che si è tenuto ad Amsterdam lo scorso 10 e 11 maggio.

 

Ti potrebbe interessare anche

“Don’t Tap and Drive”, la campagna social di Ford per non distrarsi con lo smartphone alla guida

Secondo una ricerca un giovane europeo su quattro si è scattato un selfie mentre era al volante, non prestando attenzione alla strada. L’azienda automobilistica ha pensato di usare Instragram per sensibilizzare sul comportamento da avere per muoversi in sicurezza

Al posto del casco un airbag gonfiabile (e invisibile)

Proprio come l’airbag delle automobili, Hovding protegge collo e testa all’occorrenza. Inventato da un gruppo di studentesse svedesi (e promosso da Stanford) infatti, è un vero e proprio casco “invisibile”, che si attiva solo in caso di incidente.

Google lancia Tez, l’app per pagare via smartphone (anche a ultrasuoni)

Esordisce in India una nuova app per pagare e trasferire denaro attraverso il conto bancario sfruttando le onde sonore che identificano il pagatore e il beneficiario. Presto la tecnologia arriverà in altri Paesi emergenti

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo