Dal mondo tech tre idee per combattere stress e insonnia

Non basta distendersi sul divano o sul letto per riposarsi davvero. Una coperta ponderata, un cuscino robotico e uno stimolatore da posizionare sulla nuca possono aiutare a migliorare l'effetto ristoratore del sonno

Una coperta ponderata, un cuscino robotico a forma di nocciolina e uno stimolatore da posizionare sulla nuca: sono questi i più innovativi rimedi tecnologici per il benessere psico-fisico. La prima soluzione contro ansia e stress è Gravity, la coperta che favorisce il sonno. Non necessita di alcuna prescrizione medica, ma ha una particolarità: può pesare da sette fino a undici chili, si adatta al corpo e ricrea la sensazione di un abbraccio. Per dormire sonni tranquilli, riposarsi meglio e dire finalmente addio a insonnia e stanchezza.

Morbida, confortevole e dall’efficacia dimostrata

Tocco e stimolazione lungo tutto il corpo sono il segreto di questa speciale coperta, traspirante e sfoderabile, che riesce così ad abbassare i livelli di cortisolo e aumentare quelli di serotonina e melatonina, favorendo il relax. Un tipo di prodotto già conosciuto e utilizzato dalla comunità medica, soprattutto per bambini con autismo e adulti con disturbo da stress post-traumatico. La sua efficacia è stata dimostrata nel 90 per cento dei casi da studi specifici, che sono stati valutati prima di procedere con il progetto. Per questo il suo ideatore, l’imprenditore statunitense John Fiorentino, ha voluto che fosse disponibile per tutti.

Il successo di Gravity su Kickstarter

Negli States, secondo quanto da lui dichiarato, 70 milioni di persone combattono contro l’insonnia almeno una notte a settimana e il 18 per cento degli adulti dichiara di avere periodi prolungati di ansia e stress. La sua intuizione è risultata vincente. Gravity è stata lanciata su Kickstarter il 26 aprile con una campagna da 21.500 dollari. Ne ha raccolti finora più di 3 milioni e 500mila e mancano ancora diversi giorni alla sua conclusione, prevista per il 31 maggio. Gravity costa 169 dollari ed è disponibile in tre diverse tipologie di peso – circa 7, 9 e 11 chili – perché deve corrispondere al 10-12 per cento del peso corporeo. Le spedizioni sono state pianificate per l’autunno. Il consiglio di Fiorentino è di utilizzarla non solo per dormire, ma anche sul divano per rilassarsi o quando si fa meditazione.

Somnox, il cuscino smart da abbracciare

Se Gravity non dovesse bastare, ad aiutare tutti gli insonni ecco Somnox, l’innovativo cuscino “smart” da abbracciare, creato da quattro studenti della Delft University of Technology, in Olanda. La sua tecnologia si basa su alcuni studi secondo i quali la respirazione controllata è uno degli elementi principali per una notte di sonno serena, perché influisce sull’amigdala, la parte del cervello che gestisce le nostre emozioni. Grazie a dei sensori molto sensibili, è in grado di memorizzare alcuni parametri di chi lo sta utilizzando, come il ritmo del respiro e l’alternanza sonno-veglia. Se la persona non sta dormendo, il cuscino aiuta il sonno riproducendo il suo respiro lento e regolare: la frequenza cardiaca scende e il riposo è assicurato. Ma non solo: può essere utilizzato con della musica e con una luce crescente, per svegliarsi dolcemente. Un vero e proprio “robotic companion” con tanto di app. Somnox è ancora un prototipo e il team sta cercando investitori per il lancio sul mercato.

Il dispositivo indossabile: Thync Relax Pro

La neurostimolazione per dormire meglio e abbassare lo stress. Sono gli obiettivi di Thync, il dispositivo realizzato nel 2015 che si indossa sulla nuca e, tramite impulsi elettrici a bassa intensità, agisce sul cervello per indurre benessere ed energia. La versione Pro, lanciata qualche settimana fa dopo 5 anni di test, si posiziona sul collo, si attiva tramite l’app e serve ad abbassare i livelli di stress o a combattere l’insonnia, a seconda del programma che si sceglie di utilizzare. L’azienda assicura che gli effetti positivi si avvertono già dal primo utilizzo. Del resto Thync è stato creato da un team di neuroscienziati provenienti da Mit, Harvard e Stanford. Il prezzo? 149 dollari, più 29 dollari al mese per ricevere tutti i programmi di utilizzo aggiornati.