Lifestyle

Il futuro del commercio in un negozio mobile e senza dipendenti. Moby

Moby è il punto vendita realizzato dalla startup svedese Wheelys in collaborazione con l’università cinese Hefei: per fare compere basta scaricare un’app che consente di addebitare in automatico sul proprio conto le spese fatte senza bisogno di fare file alle casse. Il prototipo è in fase di beta test a Shanghai

Il negozio del futuro non ha commessi, né casse e si muove su ruote in maniera autonoma.  Un prototipo di questa innovazione è in fase di beta test a Shanghai. È stato pensato per servire quelle aree del pianeta in cui risulta costoso mettere dei punti vendita e impiegare delle persone a fronte di pochi possibili clienti. Il negozio si chiama Moby ed è stato ideato dalla startup svedese Wheelys che sta lavorando al progetto insieme all’università cinese Hefei e a Himalayafy, il ramo dell’azienda direttamente impegnato nello sviluppo della tecnologia.

Foto: Wheelys

Ologrammi al posto dei commessi

Moby può rimanere aperto 24 ore al giorno senza preoccuparsi di garantire il riposo e la paga adeguata ai suoi dipendenti, semplicemente perché non ne ha. Per usarlo basta scaricare un’applicazione sullo smartphone che consente di aprire e chiudere le porte del punto vendita. Una volta all’interno, i clienti interagiscono con degli ologrammi programmati con l’intelligenza artificiale che accolgono le persone. Tramite l’applicazione, è possibile ottenere informazioni sui prodotti che si intende acquistare mentre il carrello tiene traccia degli articoli acquistati. Quanto al pagamento, non è necessario fare la fila alla cassa. Il passaggio attraverso le porte consente di vedersi addebitata sul proprio conto corrente la spesa fatta. I commessi virtuali raccolgono anche eventuali ordinazioni di prodotti al momento non presenti nel negozio.

Il negozio che si muove da solo

Il negozio, che è in grado di muoversi da solo, potrebbe diventare anche un veicolo senza conducente che effettua consegne a domicilio. Perché questo avvenga, però, bisognerà aspettare che le automobili che si guidano da sole siano ammesse su strada. Questo permetterà a Moby anche di rifornirsi in maniera indipendente mentre un altro negozio prende il suo posto. Il sistema abbatte in maniera consistente i costi per chiunque voglia avviare un’attività commerciale in un centro urbano densamente abitato. Scompare l’obbligo di cercare un locale idoneo, adeguarlo alla vendita e pagare un affitto e viene meno anche la necessità di assumere dei dipendenti. A tutto questo ci pensa Wheelys che mette a disposizione un punto vendita completo e fruibile dai clienti per un costo di realizzazione che si aggira sui 30mila dollari. Il negozio è autonomo anche dal punto di vista energetico grazie ai pannelli solari posizionati sul tetto.

Una speranza per i giovani commercianti

La startup era già impegnata nella realizzazione di bar mobili con i quali i giovani imprenditori potevano sfidare le grandi catene di caffetterie nelle città. Il passaggio dallo stand su due ruote al negozio mobile è stato quindi quasi automatico. «A parte la dimensione, la struttura di base non è molto più complessa dei nostri caffè mobili. L’università ci fornisce l’accesso ad aree tecniche come quella della guida autonoma», spiega a Fast Company Tomas Mazetti, uno dei fondatori di Wheelys. Dopo i test a Shanghai, la società lavorerà ancora sul design di Moby. Wheelys conta di lanciare sul mercato il suo negozio mobile entro il 2018. Il target a cui si rivolgerà sarà quello delle famiglie o dei piccoli gruppi di persone che vogliono aprire un negozio senza sottostare alle regole dei grandi franchising che al momento dominano le città o arrendersi al potere dei colossi dell’ecommerce. «Invece di lavorare in un magazzino per Amazon, si potrà possedere il proprio punto vendita», conclude Mazetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA