Tecnologia

L’idea svedese di mettere il defibrillatore a bordo dei droni per salvare vite umane

Una ricerca ha confermato che un drone è 16 minuti più veloce rispetto a un’ambulanza, aumentando la probabilità di sopravvivenza per le persone che hanno un arresto cardiaco

Il drone è un velivolo estremamente versatile, può essere utilizzato sia a livello militare che civile, con diverse funzioni. Ora potrebbe contribuire anche a salvare la vita delle persone che hanno subito un arresto cardiaco. Un recente studio ha dimostrato che un drone che trasporta un defibrillatore è in grado di arrivare 16 minuti prima rispetto ai servizi di emergenza, risparmiando tempo prezioso, che in questi casi è fondamentale.

Drone

La tempestività dell’intervento

Jacob Hollenberg, direttore del Centro di Scienza della Rianimazione presso il Karolinska Institute di Stoccolma, che ha condotto lo studio, ha spiegato: «L’arresto cardiaco è una delle principali cause di morte nel mondo occidentale. Ogni minuto che passa dal collasso alla rianimazione cardiopolmonare, o alla defibrillazione, le possibilità di sopravvivenza scendono del 10%. Ecco perché la sopravvivenza dopo 10-12 minuti è sostanzialmente pari a zero. Anche se si migliorasse il tempo delle ambulanze in questo tipo di situazioni, sarebbe comunque troppo tardi: oggi solo una persona su dieci sopravvive». Il drone di quasi 6 chilogrammi è stato sviluppato dall’Agenzia di Trasporti Svedese per portare un defibrillatore esterno automatico (DAE). Con una velocità massima di crociera di 75 chilometri orari, è stato inviato 18 volte da due piloti in luoghi dove erano avvenuti arresti cardiaci in un raggio di 10 chilometri dalla stazione di partenza.

Cinque minuti per l’arrivo di un drone

I risultati, pubblicati nel Journal of American Medical Association (JAMA), hanno confermato che il tempo medio dalla chiamata alla spedizione dell’ambulanza è stato di tre minuti, contro i tre secondi impiegati dal drone. Il tempo medio dalla spedizione all’arrivo del drone è di cinque minuti, rispetto ai 22 minuti per i servizi di emergenza classici. Il drone è arrivato più velocemente con una riduzione media del tempo di risposta di 16 minuti su una distanza media di volo di circa tre chilometri. Hollenberg spera che i droni con defibrillatori possano iniziare a operare in Svezia tra uno o due anni. Una prova su più larga scala sarà effettuata con un accordo con le autorità dell’aviazione. Hollenberg racconta di volersi focalizzare sullo studio dell’uso del drone per altre emergenze sanitarie, come le reazioni allergiche e gli incidenti stradali: «La velocità è tutto quando si tratta di salvare vite umane».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli innovatori digitali a raccolta per la quinta edizione della Maker Faire Rome

Dall’1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma la Camera di Commercio, attraverso Innova Camera, organizza l’evento che toccherà, tra le altre cose, le tematiche dell’industria 4.0, dell’internet delle cose, dell’artigianato. Sul sito le call aperte per maker, scuole e università

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale