Tecnologia

Dalla bilancia connessa all’activity tracker. Nokia debutta nel mercato della Digital Health

Completata l’acquisizione di Withings, ora tutti i prodotti per la salute portano il marchio finlandese. È questa la nuova vita di Nokia?

Accanto al nuovo 3310, che porta a compimento una vera e propria operazione nostalgia, in queste ore Nokia ha annunciato di aver portato a compimento un’altra operazione destinata a cambiare l’immagine e l’impegno della finlandese sul mercato. Il marchio Withings, acquisito nel corso del 2016 assieme a una gamma piuttosto ampia di dispositivi e indossabili per la digital health, oggi sparisce da bilance e smartwatch: al suo posto compare quello Nokia, che ne approfitta per presentare i device attuali e prometterne altri nei mesi a venire.

Bilance e non solo

Da segnalare ci sono senz’altro almeno un paio di dispositivi. Innanzi tutto Nokia Body, bilancia connessa via WiFi alla rete di casa che permette anche di misurare l’indice di massa corporea (BMI, Body Mass Index): nella sua variante Cardio, inoltre, mentre ci si pesa si misura anche il battito cardiaco, allo scopo di avere un quadro completo dello stato fisico personale compreso lo stato del sistema cardiovascolare. Nokia Body è in grado di riconoscere e distinguere fino a 8 diversi soggetti, in pratica una famiglia intera: le informazioni raccolte vengono trasferite a uno smartphone, così da poter essere valutate in modo puntuale e nel loro andamento nel tempo.

Restando nel campo della misura dei parametri corporei, ci sono anche un misuratore di pressione arteriosa (BPM) e un termometro (Thermo) che fanno della semplicità d’uso il proprio cavallo di battaglia: anche questi due sono connessi al WiFi e possono trasferire le informazioni su un’app a bordo dello smartphone per valutare l’andamento dei sintomi. A fare da collante tra tutto c’è la nuova app Health Mate che, oltre a raccogliere e mostrare i dati ottenuti dai dispositivi Nokia, offre pure piani di allenamento personalizzati e consigli per migliorare lo stile di vita: aumentare le ore di sonno, diminuire la massa grassa e abbassare la pressione, perdere peso o aumentarlo in modo ragionato durante la gravidanza sono cinque dei programmi già disponibili di serie per tutti.

I wearable

Infine, lato wearable ci sono due dispositivi già disponibili e un terzo che arriverà più avanti. Il Go è un activity tracker, ovvero un bracciale dotato di schermo e-ink che si indossa per tenere traccia dei passi quotidiani, della qualità del sonno e dell’allenamento sportivo: è impermeabile fino a 50 metri di profondità e fa dei cinque colori e del prezzo contenuto (sfiora i 50 euro) le sue armi migliori. C’è poi lo Steel, che affianca all’aspetto e alle funzioni di un comune orologio al quarzo le capacità di activity tracker: la versione HR, che in più ha anche il lettore di battito cardiaco e un piccolo display LCD per le notifiche in uscita dallo smartphone, arriverà più avanti nel corso del 2017.

Dopo aver ceduto definitivamente a Microsoft la divisione relativa agli smartphone, oggi Nokia sta cambiando pelle e ridefinendo i propri obiettivi: il marchio comparirà sempre più spesso su una nuova generazione di smartphone, realizzata però su licenza dalla HMD, mentre il core-business vero e proprio resterà centrato su infrastruttura 5G, IoT, realtà virtuale e appunto questi dispositivi mostrati oggi per la digital health.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

La classifica delle 50 tecnologie che hanno cambiato la Storia (secondo il Time)

L’iPhone guida una classifica che comprende le migliori tecnologie della Storia. Almeno secondo il Time. Dal Commodore 64 al Walkman. Apple è presente con 5 prodotti. Assenza ingiustificabile quella di Arduino.

Soundreef, la startup che ha sfidato i monopoli: «Che lavoro essere controcorrente»

Operano in 36 Paesi, fatturano 5 milioni di euro, contano un team di 25 persone. Davide D’Atri, CEO di Soundreef, una delle dieci realtà d’eccellenza finaliste di SIOS nel 2015 ci racconta che cosa è cambiato da quel giorno. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017