Lifestyle

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina

L’e-commerce è un fenomeno in costante crescita, anche se molte persone vedono l’acquisto di abbigliamento on-line ancora come un rischio. Molti rivenditori, per risolvere questa problematica, hanno ideato il reso gratuito su capi di abbigliamento che non sono adatti alla clientela. Ora Amazon è andata oltre: l’azienda ha sviluppato un nuovo servizio chiamato Prime Wardrobe, che permette di ordinare dai 3 ai 15 capi tutti in una volta, senza acquistarli. Il cliente li può provare e restituire, se vuole, in una scatola richiudibile con l’etichetta di spedizione prestampata. Ovviamente pagherà solo gli abiti scelti. Il servizio è un’opzione solo per i membri di Amazon Prime che, con un abbonamento di 99 dollari all’anno, offre ai clienti trasporto veloce senza alcun costo aggiuntivo, un servizio di video streaming, Amazon Video, che sta raggiungendo i livelli di Netflix, e altri benefici.

Prime Wardrobe

Scegliere da un catalogo di un milione di pezzi

Prime Wardrobe permetterà ai clienti di scegliere, da un catalogo di più di un milione di pezzi, vestiti, accessori e scarpe di marchi famosi come Calvin Klein, Levis, Adidas, Hugo Boss e Lacoste. I clienti avranno sette giorni di tempo per restituire gli oggetti che non vogliono. La spedizione gratuita per i resi potrebbe potenzialmente erodere i profitti di un rivenditore online, se i clienti utilizzassero spesso l’opzione, ma Amazon può contare sull’abbonamento dei suoi membri Prime, che grazie a questo servizio sicuramente aumenteranno. In più Amazon offre il 10 per cento di sconto sul prezzo di acquisto per tutti coloro che sceglieranno di mantere tre o quattro elementi e il 20 per cento per chi tiene cinque o più oggetti.

Il monopolio dell’e-commerce

Sarà difficile prevedere quale impatto Prime Wardrobe avrà sulle vendite della società, ma l’operazione segue uno schema classico di Amazon: eliminare i punti di attrito per lo shopping online che l’hanno resa un sorprendente successo nella categoria dell’abbigliamento. Entro la fine di questo anno, gli analisti si aspettano che Amazon diventi il più grande rivenditore di abbigliamento negli Stati Uniti, in un momento in cui molti negozi tradizionali stanno chiudendo i battenti o stanno dichiarando il fallimento. Dopo l’annuncio dei giorni scorsi dell’acquisizione di Whole Foods, la catena di alimentari  rilevata per 13.4 miliardi di dollari, Amazon continua a far paura perché sembra decisa a conquistare il monopolio dell’e-commerce sotto tutti i fronti.

Gli altri servizi try-before-you-buy

Prime Wardrobe non è il primo servizio on-line con un programma try-before-you-buy. Warby Parker, rivenditore di occhiali, da tempo consente ai propri clienti di provare un massimo di cinque paia di occhiali a casa per cinque giorni, senza alcun obbligo di acquistarli. Anche Stitch Fix offre un servizio simile: per usarlo i clienti devono pagare 20 dollari, non rimborsabili, per ricevere consigli personalizzati di abbigliamento. La quota può essere gestita anche come un credito verso tutti gli articoli che il cliente acquista.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli innovatori digitali a raccolta per la quinta edizione della Maker Faire Rome

Dall’1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma la Camera di Commercio, attraverso Innova Camera, organizza l’evento che toccherà, tra le altre cose, le tematiche dell’industria 4.0, dell’internet delle cose, dell’artigianato. Sul sito le call aperte per maker, scuole e università

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale