Lifestyle

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina

L’e-commerce è un fenomeno in costante crescita, anche se molte persone vedono l’acquisto di abbigliamento on-line ancora come un rischio. Molti rivenditori, per risolvere questa problematica, hanno ideato il reso gratuito su capi di abbigliamento che non sono adatti alla clientela. Ora Amazon è andata oltre: l’azienda ha sviluppato un nuovo servizio chiamato Prime Wardrobe, che permette di ordinare dai 3 ai 15 capi tutti in una volta, senza acquistarli. Il cliente li può provare e restituire, se vuole, in una scatola richiudibile con l’etichetta di spedizione prestampata. Ovviamente pagherà solo gli abiti scelti. Il servizio è un’opzione solo per i membri di Amazon Prime che, con un abbonamento di 99 dollari all’anno, offre ai clienti trasporto veloce senza alcun costo aggiuntivo, un servizio di video streaming, Amazon Video, che sta raggiungendo i livelli di Netflix, e altri benefici.

Prime Wardrobe

Scegliere da un catalogo di un milione di pezzi

Prime Wardrobe permetterà ai clienti di scegliere, da un catalogo di più di un milione di pezzi, vestiti, accessori e scarpe di marchi famosi come Calvin Klein, Levis, Adidas, Hugo Boss e Lacoste. I clienti avranno sette giorni di tempo per restituire gli oggetti che non vogliono. La spedizione gratuita per i resi potrebbe potenzialmente erodere i profitti di un rivenditore online, se i clienti utilizzassero spesso l’opzione, ma Amazon può contare sull’abbonamento dei suoi membri Prime, che grazie a questo servizio sicuramente aumenteranno. In più Amazon offre il 10 per cento di sconto sul prezzo di acquisto per tutti coloro che sceglieranno di mantere tre o quattro elementi e il 20 per cento per chi tiene cinque o più oggetti.

Il monopolio dell’e-commerce

Sarà difficile prevedere quale impatto Prime Wardrobe avrà sulle vendite della società, ma l’operazione segue uno schema classico di Amazon: eliminare i punti di attrito per lo shopping online che l’hanno resa un sorprendente successo nella categoria dell’abbigliamento. Entro la fine di questo anno, gli analisti si aspettano che Amazon diventi il più grande rivenditore di abbigliamento negli Stati Uniti, in un momento in cui molti negozi tradizionali stanno chiudendo i battenti o stanno dichiarando il fallimento. Dopo l’annuncio dei giorni scorsi dell’acquisizione di Whole Foods, la catena di alimentari  rilevata per 13.4 miliardi di dollari, Amazon continua a far paura perché sembra decisa a conquistare il monopolio dell’e-commerce sotto tutti i fronti.

Gli altri servizi try-before-you-buy

Prime Wardrobe non è il primo servizio on-line con un programma try-before-you-buy. Warby Parker, rivenditore di occhiali, da tempo consente ai propri clienti di provare un massimo di cinque paia di occhiali a casa per cinque giorni, senza alcun obbligo di acquistarli. Anche Stitch Fix offre un servizio simile: per usarlo i clienti devono pagare 20 dollari, non rimborsabili, per ricevere consigli personalizzati di abbigliamento. La quota può essere gestita anche come un credito verso tutti gli articoli che il cliente acquista.

 

 

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Airbnb vale 6,5 miliardi di euro per i ristoranti, 257 milioni a Roma

Un rapporto della piattaforma su 44 metropoli internazionali indaga l’impatto degli ospiti sulla ristorazione locale: in media spendono fra i 40 e i 100 dollari a serata, spesso nel quartiere dove alloggiano

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»