Realtà aumentata

Il casco smart che porta la realtà aumentata (e maggiore sicurezza) all’interno dei cantieri

Daqri Smart Helmet è un casco che promette di migliorare la vita nei cantieri aumentando sicurezza ed efficienza. Sfrutta la realtà aumentata e la tecnologia 4D ed è stato presentato al CES 2016 di Las Vegas.

La realtà virtuale al servizio di operai, architetti e ingegneri. Daqri, un’azienda americana specializzata in interfacce uomo-macchina, sta creando dei caschi smart in grado di cambiare, per davvero, la vita all’interno dei cantieri e  in altri ambienti di lavoro. L’ultima versione è stata presentata al CES 2016 di Las Vegas e si avvale della collaborazione di Intel.

[youtube id=”fCAShzXhBCI”]

Come funziona

I caschi smart, oltre a proteggere i lavoratori, forniranno una connessione con l’ambiente circostante dando in tempo reale informazioni utili per velocizzare e migliorare il lavoro. Tutto tramite una serie di sensori capaci di registrare a 360 gradi ciò che succede all’esterno e una visione “termica”che semplifica lo svolgimento di alcune mansioni specifiche: dal controllo di un determinato elemento, come una valvola, alla ricostruzione di tutte le caratteristiche di un determinato accessorio.

L’operaio sarà in grado di osservare, come se fosse dotato di vista a raggi X, tubi e macchinari verificandone il corretto funzionamento

2016-01-07 15_18_59-DAQRI Smart Helmet – DAQRI.png

Mappare l’ambiente (e correggere gli errori)

Il Daqri Smart Helmet, questo il nome ufficiale, creerà una mappa completa dell’intero ambiente: dalle strutture in via di completamento a quelle appena abbozzate. Si potranno trasferire in digitale, e condividere immediatamente, i dati registrati con la videocamera e il microfono in dotazione.

È un casco che non ha bisogno di GPS, bluetooth o collegamento wifi: sfrutta in pieno la potenza della realtà aumentata (e della tecnologia 4D) e rappresenta una soluzione ideale per ogni forma di cantiere. Anche quelli meno accessibili e, logisticamente, più complessi.

CYEPQtEWcAAfsEH

Lo sbarco sul mercato

Negli ultimi mesi è stato testato da oltre 100 imprese diverse, appartenenti a vari settori: dall’aerospaziale al mondo delle costruzioni per arrivare a quelle che si occupano di estrazioni (petrolio ma non solo). Secondo quanto dichiarato al CES, il device sarebbe ormai pronto per sbarcare, tra un paio di mesi, sul mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il video del drone che ha esplorato i nuovi tunnel della metropolitana di Londra

Nel 2018, dopo soli 6 anni di lavori, sarà ampliata la metropolitana di Londra, la più antica del mondo. Ecco il video del drone che ha esplorato i nuovi tunnel. Servirà 200 milioni di passeggeri all’anno e collegherà meglio la città con gli aeroporti.

Inaugurato (alle Isole Canarie) il primo museo subacqueo d’Europa

A Lanzarote, nell’arcipelago delle Canarie, è nato il primo museo subacqueo d’Europa. Si tratta di 300 statue, depositate a 10-15 metri di profondità, che vogliono far riflettere sull’importanza degli oceani e sui rischi che corrono a causa della stupidità umana.

Leonardo: ti ricarica il cellulare mentre sei al supermercato (e funziona con le impronte digitali)

Basta appoggiare il dito per ricaricare il telefonino con la certezza che nessuno ce lo ruberà. L’idea di 5 ragazzi friulani è già realtà (ed è tanto semplice da farci immaginare nuove soluzioni)

OkHi: la startup che connette l’Africa dotando tutti di un indirizzo (fisico)

Permettere a chiunque di accedere al mercato digitale globale, dai conti correnti agli acquisti online. È questa l’idea di un ex product manager di Google che ha scelto la “Silicon Savannah” per realizzare un sogno: dare un indirizzo fisico a chi non ce l’ha.

Nasce GroupoRn (e no, non è assolutamente un fake)

Chef sexy a domicilio, manette e viaggi per single. Groupon trasforma i doppi sensi in uno spin-off dedicato a eros e seduzione: si chiama Groupo(R)n, e promette coupon e sconti su esperienze locali, viaggi e prodotti di ogni genere. Anzi, di quel genere

Ricatti, usb infette e password banali: il pericolo cresce in azienda

Il 60 per cento di tutti gli attacchi informatici è perpetrato dal personale e 1 su 4 di questi attacchi è accidentale. I dipendenti cliccano per un allarmante 23 per cento del tempo su email di phishing