Tecnologia

Honor 9, il nuovo flagship di casa con dual-camera

Uno smartphone sottile e potente, con un ottimo rapporto prezzo/prestazioni. Doppia fotocamera posteriore e audio firmato Monster

Dopo il lancio avvenuto in Cina un paio di settimane or sono, fa il suo debutto anche in Europa il nuovo Honor 9. La nuova ammiraglia dell’azienda cinese, costola del più celebre marchio Huawei, riprende molto dell’impostazione tecnica e stilistica dell’altro annuncio di primavera: il P10. Non mancano comunque le differenze, a rimarcare la vocazione più giovanile di Honor che fa da sempre della vendita online e del prezzo aggressivo i propri punti di forza.

Com’è fatto Honor 9

Vetro davanti e vetro curvo sul posteriore, profilo in alluminio: le forme del nuovo smartphone Honor sono arrotondate per migliorare l’ergonomia e rendere decisamente più bello a vedersi il device. Da rimarcare soprattutto lo spessore, solo 7,45 millimetri: una misura che non impedisce comunque di montare un buona batteria da 3.200mAh (integrata) che nelle promesse dell’azienda dovrebbe garantire tranquillamente 24 ore lontano da una presa. Chi invece fa un uso smodato del telefono sarà felice di sapere che nella confezione verrà fornito anche un caricabatterie per la ricarica rapida: in 30 minuti riesce a riempire quasi per metà l’accumulatore interno.

Sul posteriore trova spazio una doppia fotocamera, basata sullo stesso principio di quella del già citato P10 di Huawei: due sensori affiancati che lavorano di concerto, uno da 12 megapixel a colori e uno da 20 megapixel in bianco e nero. I due svolgono funzioni differenti: a quello monocromatico è affidato il compito di gestire l’intensità della luce e la qualità dei dettagli, mentre a quello RGB spetta di fornire un’adeguata gamma cromatica agli scatti. Un sistema che migliora la qualità della ripresa soprattutto quando la luce è scarsa, alla sera o al chiuso. In più Honor adotta un sistema per lo zoom intelligente: in pratica è possibile raggiungere un ingrandimento 2x senza perdere in qualità dello scatto, grazie a un particolare algoritmo software che sfrutta le caratteristiche di ciascuno dei sensori montati. La fotocamera frontale, quella per i selfie per intenderci, è da 8 megapixel.

Come già sul P10, anche sull’Honor 9 il lettore di impronte digitali si sposta sull’anteriore, sotto lo schermo da 5,1 pollici (un IPS FullHD): anche in questo caso si tratta di un tasto capacitivo, che funziona semplicemente sfiorandone la superficie e che è anche in grado di riconoscere alcune gesture che consentono di muoversi avanti e indietro nell’interfaccia di Android. Le misure frontali sono di 147,3x 70,9 millimetri.

Sotto il cofano

Il cuore di Honor 9 è il collaudato processore HiSilicon Kirin 960, un chip sviluppato dalla stessa Huawei per i propri dispositivi: è un octa-core big.LITTLE che unisce un potente cluster di Cortex-A73 da 2,4GHz a un più efficiente cluster di Cortex-A53 da 1,8GHz. Il Kirin 960 si è già ben distinto per le sue performance a bordo di altri smartphone di fascia alta di Huawei e Honor, dunque non ci sono dubbi sulle sue capacità: sarà abbinato a 4GB di RAM e 64GB di storage (espandibili tramite microSD), ma è già prevista anche una versione premium dell’Honor 9 che disporrà di ben 6GB di RAM.

Naturalmente, come da tradizione Honor, anche questo Honor 9 è un dispositivo dual-SIM; altrettanto ovviamente si tratta di uno smartphone LTE, con pieno supporto alle bande attive in Italia, e dispone inoltre di connettività WiFi dual-band a 2,4 e 5GHz (802.11 a/b/g/n/ac) e Bluetooth 4.2. Non mancano poi NFC e supporto ai segnali GPS, Glonass e BSD per il geoposizionamento.

Honor 9 monta Android Nougat 7.0, abbinato all’interfaccia EMUI 5.1 sviluppata sempre in casa da Huawei: si tratta dell’ultima release di questo software, che ha sistemato molte delle limitazioni della versione precedente e che può essere ampliamente configurata per adattarsi ai gusti dell’utente.

Da segnalare, infine, che il comparto audio è stato oggetto di una partnership con Monster: assieme ai tecnici audio dell’azienda statunitense, Honor ha messo a punto una tecnologia denominata Histen 3D che migliora la resa spaziale del sonoro e rende più coinvolgente l’esperienza multimediale.

Il prezzo

Honor 9 è disponibile da subito per l’acquisto sia sul market ufficiale di Huawei, Vmall.eu, che nelle principali catene di elettronica di tutta Italia. Il prezzo di listino fissato è di 449 euro: chi lo prenota subito su Vmall, però, potrà usufruire di un’offerta che abbina lo smartphone alla nuovo wearable Band 3. Se si possiede già un Honor, inoltre, ogni acquisto effettuato entro il 26 luglio darà diritto a un rimborso di 50 euro direttamente sul proprio conto in banca, previa registrazione sul sito honorpromo.it.

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia