Tecnologia

Alcuni ricercatori hanno realizzato il prototipo del primo cellulare senza batteria

Gli informatici e gli ingegneri dell’università di Washington hanno pensato a una tecnologia che consenta di sfruttare l’energia presente nell’ambiente come i segnali radio e la luce. Inoltre hanno cambiato la modalità di trasmissione della voce per abbattere i consumi

Un telefono che non ha bisogno di essere ricaricato: un sogno per tutti gli utilizzatori compulsivi di cellulare o una realtà? Stando all’ultima ricerca dell’università di Washington, presto il telefono senza batteria potrebbe essere tra le mani degli utenti. Anzi, c’è già un prototipo pronto a funzionare. Con soli 3,5 microwatt di energia riesce ad aggirare il problema della periodica ricarica che, nei casi più estremi, diventa una vera schiavitù.

Sfruttare l’energia dell’ambiente

La tecnologia che permette al cellulare di funzionare senza batteria sfrutta l’energia che si trova nell’ambiente, come i segnali radio e la luce del sole. È dotato di un minuscolo pannello solare. La struttura fisica del prototipo è fatta di materiali semplici e si presenta come una scheda elettrica. Ma ciò che rende questa innovazione sorprendente è la stazione che trasmette il segnale e che consente il funzionamento del cellulare con così poca energia. La sperimentazione dei ricercatori statunitensi ha permesso di verificare l’efficacia del sistema attraverso delle telefonate via skype. Lo studio non è comunque concluso e porterà a implementare altre funzioni come quella di un display che renda possibile lo streaming video.

Un nuovo modo di trasmettere la voce

La ricerca è stata firmata da quattro ricercatori dell’università di Washington, Vamsi Talla, Bryce Kellog, Shyamnath Gollakota e Joshua R. Smith ed è stata pubblicata il primo luglio. L’intuizione che ha portato alla realizzazione del prototipo sta nell’eliminazione del processo di trasformazione del segnale analogico – la voce delle persone – in segnale digitale, che è responsabile del maggiore consumo di energia. Il cellulare senza batteria è in grado di intercettare le vibrazioni che il suono produce e di interpretarle come cambiamenti nei segnali radio analogici. Una sorta di codifica degli schemi sonori che, di fatto, non consuma energia. Il procedimento vale sia per trasmettere che per ricevere e si può passare da una modalità a un’altra con un semplice bottone.

Tecnologia solidale, le iniziative di crowfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti