Stella Danti

Lug 17, 2017, 8:00am

Stella Danti

Lug 17, 2017, 8:00am

Eupolia è il social network del viaggio che aiuta i turisti a organizzare le vacanze

È la prima social app creata per scambiarsi consigli e suggerimenti tra viaggiatori. Alla scoperta dei luoghi più inaspettati e delle avventure più emozionanti d'Europa, dà spazio solo alle esperienze positive fatte, così da essere di ispirazione per chi deve partire

Eupolia. Ovvero, la città del bello, dal greco “eu polis”. Così si chiama la prima social app ideata per gli amanti del turismo. Un nome che racchiude anche il richiamo all’Europa, punto di riferimento di questa piattaforma, nata per raccogliere una community di persone legate dal desiderio di esplorare e condividere con i propri amici i luoghi più originali del Vecchio Continente. Una via di mezzo tra un diario di viaggio personale, però in versione digitale e consultabile anche dagli altri utenti, e una guida turistica che esce dai soliti percorsi, perché realizzata grazie ai suggerimenti degli iscritti, che vanno alla scoperta di posti insoliti e angoli caratteristici del territorio: dai monumenti ai panorami, dai mercatini ai locali di tendenza.

Il turismo per passione

«In fondo la nostra prima azione, quando dobbiamo definire un itinerario, è chiamare le persone che ci sono già state e chiedere loro consigli. Oppure, una volta in loco, ci si affida ai suggerimenti dell’albergatore. Molto spesso capita di scegliere una meta dopo aver sentito i racconti di familiari o amici», racconta Yari Brugnoni, 25 anni, fondatore di Eupolia insieme al padre Emanuele. Entrambi lavorano nel campo dell’informatica, ma hanno la passione del turismo, arricchita dall’esperienza concreta di gestione di un bed&breakfast in Toscana. «Mio padre, che è di Varese, si è innamorato di questa regione anni fa, quando ha iniziato a lavorare per il team “Luna Rossa” di Prada nell’ambito della competizione dell’America’s Cup. Da lì è nata la voglia di comprare una struttura ricettiva che gli era piaciuta particolarmente, “Le oche grigie” a Cortona, in provincia di Arezzo», spiega Yari.

Yari Brugnoni

Un’idea da 2.800 iscritti

Di progetto in progetto. Dall’esperienza quotidiana a contatto con i turisti spunta l’idea di una social app. «Considerato che il passaparola vince sempre quando si parla di viaggi, abbiamo pensato di trasferire questa dinamica anche a livello virtuale. Perché limitarsi ai suggerimenti di una ristretta cerchia di amici, quando si possono avere tutte le informazioni su un luogo grazie a una rete social di persone altrettanto fidate?». Dopo un paio d’anni di progettazione e sei mesi di test, quest’estate Eupolia ha fatto il grande debutto: oggi conta 2.800 iscritti, ma punta ad aumentarli e a crescere velocemente. Tanto che Yari Brugnoni ha lasciato il suo lavoro fisso in un’importante azienda per dedicarsi a tempo pieno alla sua startup, che lo scorso febbraio ha partecipato al Brand Identity GrandPrix, premio dedicato ai migliori progetti di identità di marca e di design strategico, e si è piazzata al primo posto come migliore Digital Identity. Un riconoscimento condiviso con la società Univisual, che ha partecipato alla definizione della strategia della nuova piattaforma.

Il bello del viaggio

«Come per tutti i social network, Eupolia si fonda su un sistema di amicizie e sulla fiducia che queste generano nell’utente. L’approccio, però, è assolutamente positivo: basta con i sistemi di recensioni e di rating che possono distruggere le attività ricettive con giudizi spesso manipolati o basati su dettagli ininfluenti. Questo vuole essere un social al positivo, dove raccontare solo ciò che è piaciuto. Un po’ come Instagram, dove attraverso le foto si mostra il bello della vita», prosegue Brugnoni. Su Eupolia, scaricabile gratuitamente da Appstore e Google Play, è possibile condividere la bacheca con le destinazioni, studiare gli itinerari, organizzare e raccontare il viaggio con foto e commenti, avere tutte le specifiche informazioni del posto e pubblicare sui social preferiti i viaggi in modo intuitivo, semplice e veloce.

Un’app al servizio delle località turistiche

Non solo viaggiatori. La startup si rivolge anche a istituzioni, agenzie di viaggi,  b&b, albergatori, gestori di locali dotati di spirito di innovazione e aperti ai nuovi strumenti. Così è nata la partnership con il Comune di Cortona in occasione della rassegna cinematografica “Cortona on the move”. «Chi arriverà e scaricherà la nostra app avrà accesso direttamente alla pagina del paese dove troverà informazioni e itinerari. Eupolia vorrebbe diventare anche un infopoint virtuale per tutti quei comuni che non ne hanno uno reale, che non hanno una app, oppure che vogliono essere inseriti in un circuito digitale dove avere più visibilità. Un servizio di conciergerie 2.0 per cui stiamo già trattando con alcune città del Nord Italia», aggiunge il founder.

La vacanza social

Gli smartphone hanno svolto un ruolo fondamentale nel rivoluzionare il modo di viaggiare. «Specialmente i millennials scelgono dove andare influenzati dal riconoscimento social del posto e dal passaparola degli amici. Oggi si vuole qualcosa di più dei soliti strumenti: si desiderano l’autenticità, le esperienze, le emozioni. Eupolia vuole essere la risposta alle esigenze di questa nuova community di viaggiatori».