Lifestyle

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari

Lo smartwatch è comodo e utile , senza dubbio, ma pecca in quello che ha sempre rappresentato il fascino degli orologi di tutte le epoche: lo stile. Per questo, molte case di alta moda, come Hermès e Michael Kors, si sono occupate di questo oggetto. L’ultimo a raccogliere la sfida è Louis Vuitton. L’idea è di fondere eleganza e tecnologia, spiega Michael Burke, ceo di Louis Vuitton, perché quando si tratta di tecnologia indossabile «in giro si vedono solo prodotti antiestetici. Per noi la bellezza non è negoziabile».

Le funzioni dello smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology,  il Tambour Horizon di Vuitton ti avvisa delle email in arrivo e dei messaggi di testo, conta i passi, ha molte applicazioni, anche se non ha un display a forma di monitor e non è destinato a sostituire il telefono. Funziona con dispositivi Apple e Android e ha una durata della batteria di circa un giorno. Come lo smartwatch di Apple, si carica quando si fa clic su un pad magnetico, si collega al telefono tramite bluetooth e funziona anche con Wi-Fi. Si presenta in tre finiture: acciaio lucido, spazzolato o nero pieno e presenta 30 cinturini differenti per gli uomini e 30 per le donne. Tutto caratterizzato dallo stile inconfondibile di Vuitton.

Smartwatch

L’orologio personalizzato

La particolarità della casa di moda è la personalizzazione e anche lo smartwatch non è da meno. Ha diversi modelli di quadranti, con diverse strisce di colore con il monogramma di Vuitton, proprio come le borse che hanno fatto grande il marchio. Contiene un’applicazione associata alle guide della città. L’orologio saprà dirti dove sei, consigliarti il miglior ristorante, bar o negozio nelle vicinanze in sette capitali del mondo. Ha anche un’app di viaggio che consente di seguire lo stato di ogni volo e di far conoscere i ritardi, i cambiamenti, le cancellazioni. Ovviamente con uno stile unico e inconfondibile. Unico neo? Il costo è di circa 2.450 dollari, con la versione black che arriva a toccare i 2.900 dollari. Grazie agli aggiornamenti periodici del sistema operativo potrebbe teoricamente durare cinque anni o più, come qualsiasi smartphone, anche se diventerà obsoleto dopo due anni o forse tre, perché ci sarà un’opzione più fresca e nuova.

La casa di moda punta sulla tecnologia

Michael Burke ha grandi speranze per il Tambour Horizon, e pensa di poter duplicare le vendite di orologi di Vuitton, che attualmente sono una piccola percentuale del fatturato. La casa di moda, nel frattempo, sta allargando i propri orizzonti sul fronte dell’innovazione: sta cercando di realizzare delle calzature che possano connettersi e collegarsi, sempre pronte all’uso. Il punto, secondo Burke, rimane sempre quello di «partecipare al futuro».

 

 

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti