video

Boom demografico, tutta la crescita dell’umanità in un unico (incredibile) video

La crescita demografica rappresentata da un cuore che batte all’impazzata, fino al suo probabile arresto. Tutto in una mappa interattiva e in un video per mostrare un problema che dovremo affrontare da qui fino al 2050.

Il cuore accelera, senza mai fermarsi, seguendo il ritmo dell’esplosione demografica che ha accompagnato la diffusione dell’uomo sulla Terra. Questa è la metafora scelta dal sito World Population History, creato dal programma Population Education, per mostrare, in una mappa e in un video, come l’umanità abbia colonizzato il mondo. Secolo dopo secolo.

la-mappa-delle-popolazioni-globali-oggi-759218

L’effetto è davvero impressionante perché è un battito che parte lento ma che accelera pian piano fino a diventare una tachicardia dal rumore quasi assordante. E che sottolinea un probabile punto definitivo di arresto. Il video dura circa 5 minuti, un tempo sufficiente per far capire l’importanza di quello che oggi è davvero un problema e le conseguenze, se non corriamo ai ripari, che avremo da qui al 2050.

Un vero boom demografico

È interessante notare quanto, nella nostra Storia, ci siano stati alcuni avvenimenti realmente influenti. Duemila anni fa, nel momento d’inizio di questa timeline, c’erano appena 170 milioni di persone in tutto il pianeta. Da quel momento in poi si registra una crescita lenta ma costante, determinato da guerre, imperi e scoperte. Fino ad arrivare all’epidemia di peste nera (siamo nel quattordicesimo secolo) che segna il primo vero segno negativo.

Cambiamento-climatico-popolazione

La colonizzazione e il progresso, in generale le conquiste scientifiche e geografiche, hanno determinato invece quella crescita esponenziale che oggi ci è tanto familiare: dagli inizi del ‘800 ad oggi si è passati, rapidamente, da 900 milioni a oltre 7 miliardi di individui. E nel 2050 sfioreremo i 10 miliardi. Un vero e proprio boom demografico.

Ma chissà, a quel punto, se avremo compromesso per sempre la Terra o se saremo riusciti a regalare alle generazioni successive un mondo ancora abitabile. Certo è che il tempo scarseggia e questo video ne è una chiara dimostrazione:

[vimeo id=”130468614″]

Fonte: Vox

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Apple brevetta l’iPhone che si piega e si deforma

Lo scorso 1° marzo Apple ha depositato un brevetto che riguarda i device elettronici flessibili. In futuro, cioè, l’iPhone si piegherà e fletterà tra le nostre dita. E non solo, novità anche per quanto riguarda le cuffie.

Dal Georgia Tech l’algoritmo che insegna ai robot a cadere (imitando i gatti)

Kareen Liu e Sehoon Ha, all’interno del College Georgia Tech, hanno sviluppato un algoritmo che insegna ai robot a cadere: «Servirà sia per evitare danni (costosi) che per salvaguardare le persone che stanno loro vicine».

Holus, la piattaforma olografica per lavorare, divertirsi e studiare

Una startup canadese ha creato una piattaforma che produce ologrammi in grado di intrattenere, insegnare e fare teleconferenze interattive. Dopo aver raccolto 300mila dollari su kickstarter sarà disponibile dalla prossima primavera.

Il robot di Google che trasforma i selfie in disegni | Video

Al Mobile World Congress di Barcellona, IOIO ha catturato l’attenzione di molti curiosi. Per trasformare un’immagine in disegno ci mette appena 3 minuti ma non diventerà un prodotto commerciale.

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup