Tecnologia

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Quando nel 2011 un terremoto di magnitudo 9 ha colpito il Giappone provocando lo tsunami che ha distrutto la centrale nucleare di Fukushima, i danni a persone e ambiente sono stati enormi (il sisma è stato il più grande mai registrato in Giappone e quarto su scala mondiale). Per la decontaminazione della centrale nucleare saranno necessari decenni. Gli operai giapponesi impegnati nell’impresa, però, potranno avvalersi di robot controllati da remoto che diminuiranno i rischi di contaminazione. Nel mese di giugno, infatti, il gruppo industriale Toshiba, in collaborazione con l’Istituto governativo per la decontaminazione nucleare, ha presentato un robot subacqueo pensato per analizzare e riportare l’entità dei danni riportati nella centrale di Fukushima e ora sono disponibili le prime foto inviate dal robot che ha ispezionato l’Unità 3 della centrale.

Il disastro nucleare della centrale di Fukushima. Foto: Naturalflow

Le prime foto del “piccolo pesce”

L’uso dei robot è l’unico modo per ispezionare luoghi altamente radioattivi come quello di Fukushima: quello subacqueo utilizzato in questi giorni si chiami “mini manbo” che significa “piccolo pesce” per le sue dimensioni ridotte: è dotato di luci, videocamere, e un dosimetro per misurare le radiazioni e raccogliere dati, e può fare ogni tipo di manovra subacquea. Il piccolo pesce ha ispezionato la base dell’Unità 3 di Fukushima dove il combustibile sciolto si è depositato sotto uno strato di acqua radioattiva. Gli scienziati che hanno seguito l’operazione avevano bisogno di conoscere la precisa posizione del combustibile e capire con precisione i danni riportati dal reattore. Il robot ha fotografato il combustibile e altri elementi presenti alla base del reattore: sembrano rocce ma in realtà potrebbero essere aggregati di carburante e metallo fuso. Definire con precisione quale degli elementi sia effettivamente combustibile non è facile, e le esplorazioni effettuate questo mese dal robot appartengono a una prima fase “esplorativa” rispetto a una ricerca che durerà anni.

Gli altri robot

Il piccolo pesce non è il solo robot a esser stato utilizzato dagli operai. Altri “aiutanti” robotici che sono stati impiegati avevano forme di serpente e di scorpione, pensati per entrare nella Unità 2: il loro lavoro, però, non è andato a buon fine come quello del pesce, poiché le telecamere hanno smesso di funzionare dopo essere state esposte a un livello di radiazioni pari a 1.000 Sievert (un uomo morirebbe entro pochi secondi). Il luogo intorno alla centrale di Fukushima è ancora altamente contaminato e gran parte delle persone che viveva nei dintorni ha dovuto rinunciare a fare ritorno a casa.

@carlottabalena

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti