Economia Digitale

eBay usa foto e intelligenza artificiale per consigliarti cosa acquistare

Un sistema di analisi degli scatti per scovare l’inserzione giusta sul sito delle aste. Non sarà più necessario digitare la parola per cercare l’oggetto del desiderio

Quelli di eBay la mettono così: metti il caso che ci sia qualcuno per strada che indossa una maglietta, delle scarpe, una borsa che ti piacciono. Come fai? Potresti fermarlo e chiedergli di che modello e marca siano quei sandali, o quella tote, o quegli occhiali. Oppure puoi semplicemente scattargli una fotografia: la dai in pasto a eBay, e ci penserà il cervellone dotato di intelligenza artificiale del sito d’aste a scovare quel prodotto nel suo catalogo, per proporti le diverse opzioni d’acquisto.

Metti l’AI nel motore

L’idea alla base della nuova funzione di eBay è di scavalcare la ricerca testuale per il nostro shopping: invece di dover scrivere “cappello nero” e poi iniziare a sfogliare le decine e decine di inserzioni che rispondono a questa chiave di ricerca piuttosto generica, si potrà semplicemente scattare una foto e darla in pasto al search. A quel punto entrano in gioco gli algoritmi di computer vision e deep learning, una specifica incarnazione dell’intelligenza artificiale, che prendono in carico la foto e la analizzano.

eBay dice di aver raggiunto ormai un catalogo da 1,1 miliardi di oggetti in vendita e la tecnologia può dare un’enorme mano a scovare l’oggetto desiderato in questo oceano: una rete neurale di tipo convoluzionale è stata adottata in questo caso per implementare un sistema di riconoscimento degli oggetti (computer vision) e la loro identificazione (deep learning). In altre parole eBay analizza la foto, identifica gli oggetti in essa contenuti, e propone una serie di risultati che più assomigliano esteticamente e visivamente all’oggetto desiderato.

Una ricerca due in uno

La tecnologia di riconoscimento degli oggetti è frutto di un hackaton interno dall’azienda, la eBay Hack Week, e verrà declinata in due diverse varianti. Si potrà inoltrare una foto di un social network alla app di eBay sullo smartphone, quindi anche una foto di un fashion blogger su Instagram per esempio, e il sistema remoto analizzerà lo scatto per elencare le inserzioni più interessanti. Find It on eBay sarà lanciata in autunno sugli smartphone Android, e sarà disponibile semplicemente nel menu “condividi” del sistema operativo – sempre che abbiate installato la app di eBay.

Image Search, invece, potrà essere sfruttato per rintracciare un prodotto nel catalogo eBay semplicemente partendo da una foto scattata dall’utente. Anche questa funzione sarà lanciata in autunno, ma sarà disponibile sia su iOS che su Android. Lo scopo di eBay è chiaro: semplificare la ricerca sul suo marketplace significa assicurarsi che gli utenti trovino più facilmente gli oggetti desiderati. E ciò naturalmente si traduce in un incremento delle compravendite.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti