SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Difficile, quasi impossibile, per gli italiani stare senza tecnologia, perfino in spiaggia. Secondo una ricerca condotta dal sito Pagomeno, noto comparatore di prezzi online, ben l’85 per cento degli italiani non abbandona mai il proprio cellulare. Ma, oltre agli smartphone, gli italiani non possono fare a meno di fotocamere e action cam. Soprattutto in vacanza. Da poco esiste un dispositivo in più per immortalare gli scatti più emozionanti delle nostre ferie estive. Snapchat, in collaborazione con Royal Caribbean, ha realizzato una versione subacquea dei suoi occhiali Spectacles. Si chiama SeaSeeker ed è, a tutti gli effetti, una maschera subacquea per scattare splendide foto durante le immersioni.

Foto: SeaSeeker

Foto sotto la superficie marina

SeaSeeker ha le stesse funzioni degli occhiali Snapchat: grazie alle sue lenti con videocamera integrata, sarà possibile fare snorkeling, scattare fotografie e girare spettacolari video della vita sottomarina, per poi condividerli al volo sui social. «Permetterà a tutti gli amanti dell’avventura di vivere entusiasmanti esperienze sottomarine, come mai prima d’ora», ha dichiarato Jim Berra, Chief Marketing Officer e Marketing SVP di Royal Caribbean International. Basterà premere un pulsante per far partire la registrazione. La speciale maschera ha un’autonomia massima di mezz’ora, fino a 45 metri di profondità. Al momento SeaSeeker è ancora un prototipo (realizzato con la collaborazione dell’agenzia Mullen Lowe) in fase di sperimentazione, ma presto potremo usarlo per immortalare i nostri amici durante un tuffo acrobatico e realizzare reportage delle nostre vacanze, rigorosamente a pelo d’acqua.

Foto: SeaSeeker

A bordo della Royal Caribbean

La Royal Caribbean è intenzionata a utilizzare questa tecnologia anche durante le sue escursioni. È stata infatti avanzata la richiesta di brevetto per dare la possibilità a tutti gli ospiti della nota compagnia crocieristica di vivere avventure esclusive. «Siamo emozionati di aver contribuito a ideare un’innovativa modalità d’uso per gli Snapchat Spectacles attraverso la maschera SeaSeeker potremo così regalare ai nostri clienti un’esperienza di viaggio a 360 gradi», ha spiegato Berra.

Intanto, tre esperti sub hanno già provato (con successo) i SeaSeeker. Roberto Ochoa è riuscito a immortalare la migrazione annuale degli squali balena a Cozumel, in Messico. La biologa marina Gabriela Nava invece, cofondatrice dell’organizzazione Oceanus, ha ripreso un progetto dedicato al restauro della barriera corallina. La free diver Ashleigh Baird infine, indossata la maschera, ha visitato il Great Blue Hole in Belize, una delle più grandi cavità marine del mondo.

@antcar83