Health

La rivoluzione della m-health (medicina via smartphone) spiegata bene

Fra app e body sensors, il futuro della salute sembra essere sempre più connesso con l’idea di misura di sé. Ecco alcuni aspetti su cui vale la pena riflettere, fra grandi opportunità e grandi vulnerabilità.

App che misurano la pressione, altre che monitorano la tua dieta, altre ancora che calcolano il dosaggio di un farmaco in sala operatoria. Il futuro della medicina – concordano gli esperti – è anche mobile. M-health: la salute che passa attraverso il nostro smartphone. Sarebbero circa 100 mila oggi le app di salute che possiamo scaricare, molte gratuitamente, sul nostro smartphone o sul nostro tablet.

mhealth

Perché è una rivoluzione

L’idea alla base di questa rivoluzione è la partecipazione delle persone ai temi che riguardano la propria salute. Si parla in questo senso di Empowerment del cittadino che ha la possibilità di monitorare autonomamente – ma senza sostituirsi al medico, si intende – alcuni dei propri parametri vitali.

Se ripensiamo agli ultimi 15 anni, noteremo che ciò che ci circonda è diventato anno dopo anno sempre più “vivo”, sempre più interattivo con noi. Fino a qualche anno fa non avremmo mai immaginato di avere sempre in tasca un sistema di messaggistica istantanea a un costo inferiore a un euro all’anno, né tantomeno di poter lavorare agevolmente con dei colleghi dall’una all’altra parte del mondo sullo stesso foglio excel condiviso, o di avere un robot in casa che ci accoglie non appena rientriamo dal lavoro. Per non parlare della possibilità di commentare in diretta un programma televisivo per esempio tramite twitter, interagendo con chi in quel momento è proprio lì in tv davanti a noi.

Anche la salute sta diventando sempre più partecipativa, in primis con il proliferare di siti web, forum e social network dedicati a questo tema. In questo vortice di cambiamenti, anche il concetto di app si sta evolvendo velocemente: la maggior parte delle app oggi sono body sensors, cioè sensori, strumenti che hanno l’obiettivo di entrare in risonanza con il nostro organismo, che ci toccano e ci misurano.

tnt2

Una app è un dispositivo medico?

No, o meglio, solo una piccola parte lo è. È necessario essere consapevoli che la maggior parte delle app di salute sono software messi a punto da un singolo sviluppatore, o da un’azienda, piuttosto che da un ospedale, che però non hanno l’obbligo di sottoporre il proprio prodotto a test di efficacia o di ottenere per loro il marchio di dispositivi medici.

In altre parole, per chi lo desidera c’è la possibilità di far seguire alla propria app tutta la trafila per farla diventare un dispositivo medico vero e proprio – che in Europa per esempio deve ottenere anche il marchio CE – ma non vi è nessun obbligo. È sufficiente che il produttore dichiari che la app non è stata creata a scopo medico, ma solo – potremmo dire – ricreativo, e la può commercializzare come crede.

Un altro problema è che paese che vai, legge che trovi. Sebbene esistano delle linee guida per esempio americane ed europee, non vi sono in questo settore delle leggi che valgano per tutti i paesi, e se aggiungiamo che chiunque da tutto il mondo può sviluppare una app e commerciarla in un altro paese, è evidente che il panorama delle app di salute vive ancora uno stadio assai caotico al momento.
Anche se la tecnologia non è sinonimo di medicina, alcune belle eccezioni ci sono. È il caso per esempio di Lumosity, un app validata da numerosi studi di efficacia, pensata per aiutare le persone anziane affette da Alzheimer. Lumosity monitora l’andamento di alcune abilità correlate con la malattia, e permette di tenersi per quanto possibile in allenamento.

tnt3

E la privacy?

Oggi viviamo nell’epoca dei cosiddetti Big Data. Ognuno di noi senza pensarci produce ogni anno un’enorme quantità di dati: quando usiamo i social network, un motore di ricerca, quando timbriamo al lavoro, quando saliamo in autobus, quando facciamo acquisti in rete, o quando paghiamo con la carta di credito in un negozio.
Oltre a questi, produciamo anche molti dati di salute, più di quanti immaginiamo. Ogni volta che ci rechiamo dal medico, che aggiorna la nostra cartella al computer, o se veniamo ricoverati all’ospedale.

Anche la m-health è una fonte immensamente profonda di dati, i nostri dati, che una app raccoglie continuamente, sia che si tratti di un body sensor, come un cerotto, un device sottocute, un tatuaggio. Sì, oggi esistono anche tatuaggi che in realtà sono sensori per rilevare un nostro parametro vitale (una storia l’avevamo raccontata qui). Il problema, il lato oscuro di questo dialogo con la rete, è che una app non è una scatola chiusa, non è un posto solitario. Una app è connessa, e archivia i dati che raccoglie in cartelle virtuali chiamate cloud, e non è così semplice risalire a chi ha accesso a quei dati. “Ma a chi vuoi che interessi sapere i valori della mia glicemia?” viene da chiedersi. Potenzialmente a molti. Oggi l’informazione è la via maestra per il potere.

Il problema è ancora una volta un problema geografico, che diventa un problema legale. Fisicamente, dove sono i miei dati? In un certo server, che il più delle volte non è situato nello stesso paese del produttore della app, che a sua volta spesso vive in un altro paese rispetto al distributore e magari rispetto all’utente finale che scarica la propria app.

HealthBeat Smartphone Physical

Think globally”, si dice di questi tempi.

Eppure, pensare globale in questo caso ha degli aspetti negativi. Immaginiamo, per esempio, che qualcuno voglia accedere ai nostri dati illegalmente: come si potrebbe procedere legalmente? Quale legge nazionale andrebbe seguita? E quali tutele avrebbe l’utente finale? Rispetto ad altre situazioni in cui si utilizzano sistemi cloud per lo stoccaggio dei dati e per renderli interoperabili, come possono essere gli ospedali per esempio, nel caso della m-health la situazione è estremamente più delicata.

tnt1

Una app come servizio

Infine, c’è anche un altro modo di intendere questa rivoluzione, che esula dal concetto di misurare se stessi: pensare in termini di servizi. Molte app, pensate per esempio da ospedali o enti pubblici hanno creato delle app per favorire la fruizione dei servizi sanitari ai cittadini. In Umbria, per esempio, il Dipartimento di Economia dell’Università di Perugia e la Regione hanno sviluppato una app per fornire informazioni sanitarie ai migranti, che spesso hanno difficoltà a muoversi in un nuovo contesto sanitario che non hanno mai conosciuto prima, e che rappresentano una delle fasce più deboli della popolazione.

@CristinaDaRold

2 Commenti a “La rivoluzione della m-health (medicina via smartphone) spiegata bene”

  1. Rosario Criscione

    Cara Cristina, ho letto con piacere il suo articolo, per passione mi occupo di medicina tecnologica ed è sempre piacevole leggere un quadro globale della situazione attuale in questo ambito, come quello che lei ha ben delineato. Tuttavia mi permetto di indicarle alcune inesattezze, che potrebbero inficiare la qualità generale dell’articolo, se non successivamente corrette.

    La prima di queste riguarda i body sensors. In un ambito così specifico, parlare di risonanza è quantomeno fuorviante: non significa davvero nulla la frase “strumenti che hanno l’obiettivo di entrare in risonanza con il nostro organismo”. Ci rifletta.

    La seconda, riguarda invece Lumosity. Non è possibile considerarla una m-health app, per il semplice motivo che un brain trainer non è una m-health app. In secondo luogo, importantissimo, Lumosity non è validata proprio da niente. Validare (soprattutto in ambito medico) è un concetto molto molto complesso, non è che siccome ci sono dieci studi dove si dice che i giochi utilizzati da Lumosity sono riconosciuti per essere giochi stimolanti la memoria piuttosto che la reattività allora Lumosity è validato. Ci deve essere molto di più, giustamente. Lumosity utilizza tecniche di gaming in combinazione con giochi che notoriamente (e sottolineo notoriamente) sono conosciuti in ambito neuropsichiatrico. Se lei domani facesse un’applicazione che sottopone all’utente uno Stroop test, correlandola con due articoli scientifici che parlano dell’effetto Stroop, non è che ha validato l’applicazione.

    Infine, una curiosità: a quale servizio fa riferimento quando parla di messaggistica istantanea a meno di un euro l’anno? Non a WhatsApp, vero cara Cristina?

    Buona domenica,
    Rosario

    Rispondi
  2. LiveMedicina

    Sono sempre più le App sviluppate in ambito di salute mobile e-health o m-health, sicuramente utili ma ben diverse dagli strumenti di teleassistenza che mirano a migliorare la qualità di vita del paziente garantendo la continuità di cura.

    Rispondi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ti potrebbe interessare anche

Amino: il database che ti dice quale medico è più adatto a te (usando i Big Data)

Nessuna recensione o sponsorizzazione: solo un’enorme raccolta e analisi di dati per dirci qual è il medico con maggiore esperienza sulla patologia che ci affligge. Tutto proteggendo la nostra privacy

Arrivano da Pisa gli anelli sensorizzati per la diagnosi precoce del Parkinson

Questi anelli speciali si indossano come un braccialetto e rivelano anche il più minimo tremore. La tecnologia, nata all’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa permetterà di riconoscere prima la malattia.

Da Melbourne arriva la prima spina dorsale bionica (lunga 3 cm)

Lunga solo 3 centimetri, è pensata per essere impiantata in un vaso sanguigno nei pressi del cervello. I primi esperimenti sugli animali hanno mostrato risultati sorprendenti, a breve la sperimentazione sull’uomo

Hemafuse, il dispositivo low cost per l’autotrasfusione (e la depurazione del sangue)

È simile a una grande siringa che raccoglie il sangue, lo filtra e lo rende di nuovo disponibile ai pazienti. Una soluzione innovativa per i paesi a basso reddito dove la riserva di sangue è limitata

#Hellone e altri 6 meme post Brexit che impazzano sui social

A qualche ora dal risultato definitivo del referendum sull’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, gli utenti di Facebook e Twitter commentano a modo loro quanto accaduto. E c’è anche spazio per qualche risata

Tornano i Trojan di stato: ma quanto sono sicuri?

Una proposta di legge non ancora presentata fa discutere sulla legittimità dei Trojan di stato per perseguire i criminali. Non si tratta solo di tutelare i diritti costituzionali, ma anche quelli delle aziende