Travel

SafeBag24, l’app che rintraccia i bagagli smarriti in aeroporto

L’applicazione permette ai viaggiatori di avere notizie in tempo reale sulla posizione delle valigie e assicura il recupero di quelle smarrite entro 24 ore. In caso contrario, al viaggiatore sarà versata una penale a titolo di risarcimento

Niente più bagagli persi nelle stive o abbandonati nei depositi aeroportuali. Da quest’anno c’è un’app che promette di farci partire in tutta tranquillità. Si chiama SafeBag24 e tiene traccia delle nostre valigie durante i voli grazie al cosiddetto SafeBag Code, che viene associato ai bagagli al momento della registrazione. Realizzata da Safe Bag, società di servizi di protezione e rintracciamento bagagli per i passeggeri aeroportuali (attiva dal 1997), assicura il recupero del bagaglio smarrito entro massimo 24 ore dalla nostra denuncia presso l’ufficio Lost&Found dell’aeroporto di arrivo.

(Foto: Safe Bag)

Tracciatura in tempo reale

SafeBag24 è in grado di rintracciare i nostri bagagli in tempo reale. Consultando l’app, potremo ricevere dati aggiornati sul nostro volo e, in caso di smarrimento del bagaglio, potremo entrare in contatto con i customer care di oltre 2200 compagnie aeree e di 1300 aeroporti internazionali, per attivare le operazioni di recupero. Il servizio è attivo 24 ore su 24 ed è garantito dalla tecnologia VoIP dell’italiana TelcaVoIP International. Questa soluzione permette a SafeBag24 di avere un’ottima qualità delle telecomunicazioni, un disaster recovery sempre aggiornato e, particolare non secondario, di abbattere i costi dell’85 per cento rispetto ad altre soluzioni. Utilizzare l’app è semplicissimo. Disponibile sia per iOS che per Android, sarà sufficiente inserire il numero del volo e indicare il numero di bagagli ai quali associare un codice SafeBag24 per ricevere tutte le informazioni. L’attivazione del servizio ha un costo di 5 euro.

Soddisfatti o rimborsati

Si stima che, nei prossimi sette anni, le nuove tecnologie taglieranno i costi legati allo smarrimento dei bagagli di circa 3 miliardi di dollari, arrivando a una riduzione del 50 per cento in totale. Intanto, secondo il SITA Baggage report 2017, già tecnologie come i chip RFID hanno permesso una riduzione di oltre il 7 per cento delle valigie perse rispetto allo scorso anno. SafeBag 24 rappresenta un ulteriore passo in avanti in questa direzione, tanto più che il servizio prevede la riconsegna del bagaglio al suo legittimo proprietario entro 24 ore dalla denuncia. In caso contrario, l’azienda si impegna a pagare una penale che può variare da 100 euro al giorno fino ad un massimo di 1000 euro in caso di ritardata consegna (dopo la 25esima ora). Stesso discorso in caso di furto (fino a 100 euro), danneggiamento (fino a 1000 euro) o smarrimento definitivo del bagaglio (fino a 4000 euro).

Foto: Safe Bag

 

@antcar83

Tecnologia solidale, le iniziative di crowfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti