Green Tech

Foglie come mini-turbine. L’albero eolico conquista (anche) Ginevra

Quest’albero, nato nel 2011, è dotato di mini-turbine al posto delle foglie. Integrandosi perfettamente nell’ambiente cittadino funziona 320 giorni all’anno anche con venti deboli.

Prima Parigi e ora Ginevra. Gli alberi eolici, con le mini-turbine al posto delle foglie, sono pronti a conquistare tutta Europa. Inaugurato nella cittadina svizzera lo scorso 29 gennaio, l’Arbre à vent (o Wind Tree) si mimetizza perfettamente con l’ambiente generando energia elettrica per 320 giorni all’anno.

[youtube id=”tPMvISx3hr0″]

Com’è nata l’idea

Il suo inventore, Jérôme Michaud-Lariviè, ha avuto l’intuizione nel 2011. Stava seduto in una piazza di Parigi quando la sua attenzione fu catturata dal movimento di alcuni alberi: «Ho visto le foglie tremare leggermente, sotto una lieve corrente d’aria. Ho pensato che quell’energia poteva essere recuperata e usata per alimentare le case tutt’intorno».

859266_271278246355228_23305113_o

Così ha fondato una startup, New Wind, per dar concretezza alla sua intuizione: «Non vogliamo stravolgere l’aspetto delle città ma ci sono alcuni centri che potrebbero sfruttare meglio la loro esposizione a questo tipo di fenomeno naturale. In questo modo si genera energia pulita che può aiutare le famiglie ad alleggerire le bollette, abbassando il fabbisogno dell’intera comunità».

commence

Le caratteristiche dell’albero eolico

Ogni foglia, dotata di un generatore, viene mossa dal vento. Ruotando su se stessa è in grado di produrre elettricità, circa l’80% del consumo medio, escluso riscaldamento, di una famiglia composta da 4 persone.

L’Arbre à vent potrà raggiungere anche gli 11 metri di altezza e gli 8 metri di diametro

La sua struttura, che prevede un tronco, rami e circa 100 foglie è studiata per fondersi con l’ambiente circostante, preservandone anche la bellezza estetica. L’impianto funziona anche con venti inferiori agli 8 chilometri orari (circa 2,5 metri al secondo): «Ricordiamoci che l’ecologia in città è una necessità e che la richiesta di energia elettrica crescerà del 75% a livello mondiale entro il 2020. Il nostro è il modello del futuro».

resize

Lo sbarco sul mercato (e il costo)

Questo sistema è stato testato con successo, trai il 2014 e il 2015, a Parigi. Installato a Place de la Concorde, è riuscito a produrre da 3500 kWh a 13.500 kWh in base all’intensità del vento. Una quantità in linea con le previsioni della startup.

Nei prossimi mesi ne verranno installati alcuni in altre città francesi (e non solo). Nel 2017, invece, inizierà la produzione di alberi eolici di grandi dimensioni, adatti a centri metropolitani più grossi e smart cities. Attualmente il costo di un singolo dispositivo è di circa 30mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Energia (pulita) per 500mila famiglie. Ecco il super parco eolico nel Mare del Nord

Un polmone artificiale diviso in due parti: in acque tedesche, il parco eolico Amrumbank West; in acque britanniche il parco Humber Gateway. Insieme elimineranno di 1,3 milioni di tonnellate di CO2 all’anno.

Piccola e rivoluzionaria: ecco la microturbina italiana che porta l’energia dove non c’è

E’ portatile e a basso impatto ambientale. Grande come una moneta da un euro, riesce a trasformare piccole quantità di energia meccanica e fluidica in energia da utilizzare in aree dove la rete elettrica non è disponibile.

Vortex, le turbine eoliche senza pale (ispirate da un ponte crollato nel 1940)

Può un errore umano, commesso 75 anni fa, permettere la nascita di una nuova tecnologia? Ecco come il crollo del ponte di Tacoma, avvenuto nel 1940, ha ispirato la startup che ha cambiato il look alle turbine eoliche.

Accesa (in Marocco) la centrale solare più grande del mondo

Muhammad VI, Re del Marocco, ha acceso la prima sezione della centrale solare più grande del mondo. Sarà completata nel 2018 per dare energia a un milione di case. Tutto nel luogo dove sono stati girati “Games Of Thrones”, “La Mummia” e “Il Gladiatore”.

La startup di Firenze che aiuta chi affitta camere, appartamenti e B&B. Keesy

Patrizio Donnini ha sviluppato un servizio di check-in e check-out automatizzato per chi fa home sharing. I Keesy Point, localizzati in punti strategici di arrivo come stazioni e aeroporti, sono aperti 24 ore su 24, per garantire la massima libertà di host e guest. Si parte da Firenze, poi sarà la volta di Roma, Milano e Venezia

L’ecommerce di cibo e vino Made in Basilicata, con le ricette degli chef del posto. Godebo

Il progetto di tre lucani per valorizzare i prodotti enogastronomici del territorio e portarli sul mercato nazionale e internazionale. Si possono acquistare ingredienti singoli e anche menu. E ci sono anche i video tutorial per le ricette