Space

Dentro il fenomeno Argotec: ecco come (e perché) ha conquistato la NASA

Due anni fa visitai la sede di Argotec, la startup torinese che ha conquistato la NASA con il suo micro-satellite. Ma dietro c’è molto di più. Ecco perché è un modello vincente.

Ogni storia è potenzialmente infinita. Almeno fino a quando qualcuno non interviene per mettere dei recinti o per segnare dei confini. In fondo basta solo scavare per scoprire altri collegamenti, altri filoni, altre vite. Quello che sto per fare è esattamente questo. Aprire uno di questi recinti per provare a raccontarvi quello c’è subito dopo, nascosto alla vista.

Avete sentito di Argomoon? La NASA ha scelto un microsatellite italiano da mandare nello spazio profondo. Un CubeSat, l’unico europeo dei 12 selezionati, che sarà interamente progettato e realizzato da Argotec, un’azienda ingegneristica torinese specializzata nella ricerca e sviluppo di sistemi aerospaziali. Ne hanno parlato tutti: dal Corriere a La Stampa, passando per Repubblica e Startupitalia.

Ma oltre alla news c’è di più. C’è un modello, vincente, che va raccontato

ArgoMoon_backup1-1024x576

Un pezzo di universo in città

Due anni fa venni invitato da Gnammo (una startup food, un’altra bella storia) ad una cena speciale. Ero emozionato e incuriosito: avrei assaggiato il cibo degli astronauti. E non quello liofilizzato o composto da chissà quali pillole. Cibo vero, proveniente dai presidi slow food e cucinato da uno chef. Quella cena era organizzata nei locali di un’azienda che non conoscevo. Stava in una zona di Torino lontana dal centro, vicino al fiume meno nobile, la Dora, e immersa in quartieri caratterizzati da una forte immigrazione come Aurora e Borgo Dora.

Quell’azienda si chiamava Argotec

Un vero pezzo di universo stellato tra grigi capannoni, grandi magazzini e palazzi squadrati. «Ci siamo ispirati agli argonauti, i valorosi eroi della mitologia greca, che a bordo della loro nave realizzavano imprese leggendarie» mi disse David Avino, l’amministratore delegato. Giasone, il vello d’oro, Medusa. Già dal nome capii che quello non era un luogo banale.

1406626444162_Lo_Space_food_lab__di_Argotec

Per un attimo è stato un po’ come tornare bambino

È bastato poco per dimenticarsi di quello che c’era fuori. Tutto quello che David diceva era capace di affascinarmi: «Una delle nostre principali attività è quella di addestrare gli astronauti e il personale di terra e siamo in contatto con la Stazione Spaziale Internazionale. Vedi quello schermo? È la giornata tipica di un astronauta, ora per ora, attività dopo attività. Quello, per esempio, è il programma di Samantha Cristoforetti». AstroSamantha. Sì, proprio lei. Di colpo non era più lontanissima ma accanto a me. Potevo immaginare per davvero cosa stava facendo e cosa avrebbe fatto di lì a poco. In pochi passaggi sarebbe stata addirittura a portata di voce e, quella sera, avrei mangiato il suo cibo.

A Torino, non a Houston. A un chilometro da casa mia. Fantastico

I progetti e una macchina del caffè speciale

L’avrete vista immagino. È quella della pubblicità con Tullio Solenghi ed Enrico Brignano. Io la toccai per davvero. Era la macchina del caffè più complicata che avessi mai potuto immaginare. Ma non fu quello a sorprendermi. A spiegarmi il funzionamento furono due ragazzi. Camice bianco e un viso da adolescenti. Sguardo deciso, gesti precisi. Erano loro i responsabili del progetto. Mi sentii vecchio e felice. Io che, all’epoca, avevo appena 29 anni. Loro 22 e 26.

image

Visitai tutte le stanze e gli altri laboratori. Strinsi la mano ad altri ingegneri, quasi tutti più giovani di me: «L’età media è 28-29 anni» mi disse David. Una squadra vera, ognuno con un ruolo specifico. Alcuni si occupavano della realizzazione di sistemi termici: «Non ci occupiamo solo di spazio. Molte di queste tecnologie andranno a semplificare la nostra vita quotidiana». Nuovi materiali, fluidi, reazioni, risparmio di energia. Molte cose, lo confesso, non le capii ma era un piacere ascoltare quelle voci così competenti e tutte entusiaste di mostrare il frutto del loro lavoro.

Argotec-Employees-lav

Niente cartellino: contano solo i risultati

La filosofia di David è molto chiara: «Qui contano solo i risultati. Ci sono progetti da portare avanti e da concludere. Ognuno deve organizzarsi come meglio crede». Nessuno timbra il cartellino o ha degli orari giornalieri da rispettare. Può arrivare alle undici del mattino e andare via alle undici di sera. Si chiama responsabilità e non sarebbe male se, in Italia, fosse più diffusa.

Andai via con la consapevolezza di essere stato in un luogo unico. Dopo quella serata è stato un piacere seguire le imprese di Argotec. Leggere le interviste sui giornali; sentire, in televisione e sul web, raccontare la storia di quella che non è solo una startup.

argotec-laboratorio-termico

Condividere. Sempre

Così, quando sabato scorso David mi ha chiamato per annunciarmi il successo di Argomoon, per la prima volta non sono rimasto sorpreso. Soprattutto nel sentirgli usare il plurale.

Un “noi” che racchiudeva tutto il senso di quella visita fatta due anni prima

Ripenso al senso di “finito” e riprendo la notizia pubblicata dai grandi giornali. C’è una sua dichiarazione che compare dappertutto: «I nostri ingegneri sono al lavoro per sviluppare un nuovo concetto di nano-satellite utilizzando materiali innovativi e per integrare, in un volume grande quanto una scatola di scarpe, alcuni dei nostri sistemi e delle tecnologie italiane. I CubeSat sono i droni del futuro e saremo i primi a testarli così lontano dalla Terra, nelle condizioni estreme dell’orbita translunare».

Quegli ingegneri io li vedo, anche in questo momento. Con il loro camice bianco, lo sguardo concentrato, due occhi pieni di quella voglia matta di farcela. E un’incrollabile fiducia data da chi crede in loro. Scommetto che hanno tutti una storia importante alle spalle. Storie che un giorno, scavando, qualcuno racconterà andando oltre questo recinto che ho appena finito di costruire.

Alessandro Frau

@ilmercurio85

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“Hyperloop is real”: ecco il video che vi mostra il futuro

Il team di Hyperloop ha realizzato un video all’interno dei cantieri dove viene fatta la capsula che viaggerà a 1200 km/h. Nel 2016, in California, inizieranno i primi test. Il sogno di Elon Musk è sempre più reale.

Il video della NASA che mostra l’aumento del riscaldamento globale (dal 1880 al 2015)

La NASA ha appena rilanciato un video che mostra, in 30 secondi, l’esponenziale aumento della temperatura sulla Terra dal 1880 al 2015. Dobbiamo preoccuparci? Sì, perché gli ultimi dodici mesi hanno registrato numeri da record.

L’annuncio di Zuckerberg: «Aquila è pronto. Porterà internet a 4 miliardi di persone»

Il creatore di facebook rivela che Aquila, in soli 14 mesi, è stato costruito. Si tratta del drone, con l’apertura alare di un Boeing 747, sviluppato per una missione speciale: portare internet in ogni angolo del pianeta.

La lampada che funziona solo con acqua e sale e che porterà la luce nei paesi più poveri

SALt è l’innovativa lampada che funziona solo con una tazza di acqua e sale. È in grado di illuminare una stanza per circa otto ore e può produrre energia per ricaricare i nostri smartphone. L’hanno creata due fratelli filippini ed è molto più che un semplice prodotto.

Sempre più contactless e i pagamenti innovativi superano i 30 miliardi di euro

Il boom dei pagamenti contactless ne 2016 (+700% sul 2015) ha segnato una crescita positiva di tutti i “New Digital Payment”: il report dell’Osservatorio Mobile Payment&Commerce della School of Management del Politecnico di Milano

Un milione di dollari per migliorare la vita dei rifugiati: 5 progetti studenteschi in finale

Portare internet nei campi, sfruttare il biogas, fornire un sistema di trasporto ecologico, aiutare nell’apprendimento delle lingue e fornire una piattaforma per l’aiuto reciproco: sono le idee dei cinque team finalisti che si confrontano per un assegno da un milione di dollari

I 10 paladini del cibo sostenibile che si battono per un mondo migliore

Il sostegno agli agricoltori e alle comunità locali, le abitudini alimentari corrette, una produzione biologica e non intensiva: sono questi alcuni degli obiettivi delle personalità di questa lista che, con la loro attività quotidiana, vogliono preservare anche l’ambiente