Ecco Wollol, il primo archivio digitale dei ricordi

Wollol è il primo social network esclusivamente basato sull'archiviazione dei ricordi, per lasciare ai posteri la propria eredità virtuale

Fare ordine tra migliaia di contenuti personali veicolati ogni giorno attraverso la rete non è certo impresa facile. Ma è proprio quello che stanno tentando di fare i ragazzi di Wollol – Georges Balthazar, Sara Valeri e Manuel Maccari – startup nata nel 2016 in provincia di Macerata.

«Con migliaia di foto, video ed altri media caricati su ogni social, o semplicemente su computer, tablet o cellulari, molti ricordi vanno persi o dimenticati», spiegano. Ecco perché la decisione di realizzare Wollol, un social network dal carattere più intimo, «dedicato alla raccolta dei momenti davvero importanti delle nostre vite».

Il nome deriva da “Wall of Love” (con una vocale volutamente modificata per facilitarne la pronuncia), il muro dell’amore. Perché l’obiettivo è proprio quello di dare un valore diverso, più emozionale, ai ricordi che condividiamo ogni giorno su internet.

Tutta la nostra storia in una timeline

«Non lasciare che il tempo rovini i ricordi: salvali con Wollol!», si legge sul sito. E infatti, la piattaforma consente a privati e professionisti di raccontare la propria storia attraverso testi e immagini.

«La maggior parte degli strumenti disponibili oggi rispecchia il momento storico attuale – raccontano i suoi ideatori – si focalizza cioè più sull’istantaneità, l’effimeratezza e la leggerezza di molti contenuti. Questi, inoltre, non permettono una collezione di ricordi agevole e facile da consultare».

Così nasce Wollol. Una sorta di album fotografico vecchio stampo insomma, che non occuperà però spazio nella nostra libreria nè sarà soggetto a deperimento. E, al tempo stesso, conserverà con estrema cura e precisione ogni nostro ricordo.

Pensato per potere essere usato facilmente anche da chi non ha dimestichezza con digitale e social, Wollol è caraterizzato da un elemento fondamentale: la Timeline. «Anziché in album fotografici o innumerevoli media disordinati, su Wollol i nostri ricordi vengono salvati ed ordinati cronologicamente lungo un’unica linea del Tempo».

Visibile su una sola pagina, la linea del tempo ordina cronologicamente i nostri ricordi e può essere filtrata per tematiche utilizzando gli hashtag che ci permetteranno di richiamare all’istante tutte le foto e gli elementi di nostro interesse.

Wollol i nostri ricordi vengono salvati ed ordinati cronologicamente lungo un’unica linea del Tempo

L’archivio dei ricordi personali

E proprio con un album di fotografie, potremo decidere se condividere con tutti la visione dei nostri ricordi più belli, farli vedere soltanto alle persone a noi più vicine o, per ultimo, usare Wollol esclusivamente come un archivio digitale privato. «I nostri ricordi vengono custoditi in sicurezza sui server Wollol – spiegano i suoi creatori – e possono essere conservati e tramandati alle generazioni future, creando una sorta di eredità virtuale».

Attualmente disponibile in 4 lingue (italiano, francese, inglese e spagnolo), il social network si rivolge anche ai professionisti, come un utile strumento di storytelling, per un’azienda, un prodotto o un personaggio pubblico.

L’iscrizione e l’utilizzo di Wollol sono gratuiti. Lo spazio a propria disposizione è limitato, ma sarà possibile, a breve, acquistare altro spazio per incrementare il nostro archivio di ricordi. Del resto, vi siete mai chiesti cosa trasmetteremo alle generazioni future attraverso i social network? Bene, se non avete già iniziato a farlo, ora avete l’opportunità di scrivere (o riscrivere) la vostra storia.

@antcar83