Device

Lo stilo tattile che rivoluziona la modellazione 3D (ispirandosi a Giotto)

Touch è uno stilo tattile che permette al designer di realizzare un progetto con il minor numero di limitazioni possibile. Imitando l’atto dello scolpire, è possibile percepire realmente il progetto a cui si lavora e il materiale di cui è fatto.

La percezione della terza dimensione in ciò che ci circonda è talmente naturale e innata, che raramente ci si chiede da cosa deriva. In quanto esseri tridimensionali, ci risulta facile distinguere un disco da un pallone da calcio o un foglio da una scatola di scarpe.

0328p_duomo6_b

La rivoluzione di Giotto

Sin dall’antichità, gli artisti si sono interrogati su come rappresentare la profondità e il volume della realtà. E nonostante tentativi vani, nonostante anni di dedizione e ricerca, è solo all’inizio del Trecento che alla pittura viene regalata la terza dimensione. Senza la prospettiva, seppure empirica, introdotta da Giotto, non ci sarebbe stata quella più sistematica di Brunelleschi.

Volti, oggetti e ambienti sarebbero rimasti piatti sulla tela, come la casetta con il camino fumante che ognuno di noi ha disegnato all’asilo! La ricerca sulla terza dimensione non si è certamente fermata nel Rinascimento.

Eppure la riproduzione della realtà tridimensionale è sempre avvenuta muovendo matite e pennelli su un piano bidimensionale. Fino ad ora.

touch_features_feel_the_power_b

Tridimensionalità

Come Giotto secoli fa ha fatto la rivoluzione inserendo la tridimensionalità nella pittura, così oggi 3D Systems la fa inserendo la tridimensionalità nell’atto stesso di disegnare. Il prodotto di cui parliamo si chiama 3D Touch Stylus e riduce al minimo il gap che c’è tra i mondi 2D e 3D, consentendo di modellare in maniera più intuitiva. 

[youtube id=”LWzre6D1P4Y”]

3D Systems è un’azienda statunitense da sempre impegnata nel fornire soluzioni per la progettazione 3D. Dalle stampanti ai materiali, dai software agli strumenti di modellazione, l’obiettivo di 3DS è quello di mettere le più recenti tecnologie al servizio di svariati settori. Rompendo gli schemi tradizionali, l’azienda si è sempre preoccupata di creare un futuro più vicino alle esigenze di chi lavora nel campo del 3D. 

touch_features_at_desk

Touch è, infatti, uno stilo tattile che permette al designer di realizzare un progetto con il minor numero di limitazioni possibile. Imitando l’atto dello scolpire, è possibile percepire realmente il progetto a cui si lavora e il materiale di cui è fatto. Viene, a tale scopo, fornito un software di modellazioneCubify Sculpt, che fa da supporto a Touch e restituendo feedback meccanici durante la modellazione.

Cosa fa il software

Il software consente di dare forma alle idee servendosi di una “creta virtuale”. Partendo da una scatola, una sfera o un cilindro, chi lo utilizza può allungare, schiacciare e scolpire il blocco iniziale, raggiungendo più facilmente il risultato. Questa nuova concezione di modellazione come scultura è ideale per realizzare figure umane o animali e quindi si presta bene all’impiego nel mondo dell’animazione. Ma allo stesso tempo trova spazio anche nel settore biomedicale, favorendo la progettazione di modelli biomimetici ad alta precisione.

È possibile controllare la pressione che si esercita sul blocco di creta e l’estensione del contatto

touch_features_3d_printing

Insomma, non bisognerà più avere chissà che feeling con software come CAD, perché a guidare la modellazione 3D non sarà più un cursore ma, letteralmente, la nostra mano. Catapultato nell’era della scultura digitale, chiunque voglia approcciarsi alla stampa 3D potrà farlo in maniera più semplice e immediata.

Il maker che è in ognuno di noi potrà venir fuori, non più ostacolato dall’esigenza di grosse competenze tecniche. Garantendo la piena consapevolezza dello spazio 3D, Touch rende intuitiva la progettazione. Senza dubbio è il ponte tra digitale e reale che i designer aspettavano.

Andrea la Frazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Ad Amsterdam il primo ponte stampato in 3D (senza l’intervento dell’uomo) | Video

In Olanda si stamperà in 3D un ponte intero, senza l’intervento dell’uomo: «Così mostreremo le potenzialità che può avere questa tecnologia in progetti di grandi dimensioni e di forte impatto sociale».

E se la Stampa 3D fosse già superata? Ecco il futuro 4D printable

In un presente in cui il progresso corre veloce è possibile già affermare che la stampa 3D inizi a essere “obsoleta”. Il motivo? C’è un mondo in divenire, quello del 4D printable, che si fa sempre più spazio. Ecco come.

Il bikini che assorbe le impurità degli oceani e altre 3 invenzioni dal mondo della stampa 3D

Il bikini che assorbe le impurità degli oceani, filamenti fatti dalla birra, caramelle personalizzate e vinili innovativi. Ecco le ultime curiosità dal mondo della stampa 3D (tra tradizione e innovazione)

Il progetto del Principato di Monaco per stampare barriere coralline in 3D (con sabbia dolomitica)

Il progetto, sviluppato dalla Fondazione del Principe Alberto con l’azienda Boskalis, prende spunto dal lavoro di Enrico Dini e vuole essere un punto di svolta per una tecnologia che in futuro potrà creare nuovi ecosistemi marini.

Chi sono e che fanno Busrapido e le altre startup premiate a Digithon

Dopo quattro giornate di dibattiti e la presentazione di 100 pitch, la seconda edizione di Digithon si è chiusa con la proclamazione dei team vincitori. Sul podio Busrapido, piattaforma per la prenotazione di autobus con conducente, di cui ci parla il CEO Roberto Ricci

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola