Eventi

Il “Social Restaurant” dove seguire (sempre connessi) le puntate di Masterchef

L’iniziativa di Eataly e Ford, in collaborazione con Twitter, per seguire in maniera “social” tutte le puntate di Masterchef. Ecco come funziona e perché non dobbiamo stupirci di poter usare lo smartphone a cena

«C’è una regola da seguire per partecipare alla cena: portare lo smartphone». Questa è la direttiva principale che si deve seguire se si vuol mangiare al Ford Social Restaurant, a Eataly Roma, e seguire in diretta le puntate di Masterchef, il programma culinario più famoso d’Italia.

CaZWui-UYAAtYeV

Del resto si tratta di una “social dinner” in cui la chiacchiera in sala e la discussione via twitter, avvengono nello stesso momento. Anche grazie ad alcuni accorgimenti speciali: un TweetWall, di notevoli dimensioni, che riassume il mood della serata; il posto dedicato e “riservato”, in ogni singola tovaglietta, allo smartphone; una presa per mantenerlo sempre carico e disponibile all’uso.

Tutto ciò vi sembra un’esagerazione? Beh, non dovrebbe essere così e per capirlo partiamo da una foto.

1*P6X7hoA9fp6BYE6FolR3GQ

Un (finto) isolamento

Guardatela bene. Nessuno parla, tutti leggono. Anche in passato, a causa dell’estremo desiderio di conoscenza, le persone si isolavano affondando il viso nella carta di un giornale. Esattamente quello che facciamo oggi quando usiamo il nostro smartphone per collegarci a Facebook, Twitter, Instagram e alle altre app che abbiamo scaricato.

Ma oggi, come ben descritto dall’illustrazione di Rosangela Ludovico, c’è una grande differenza: nessuno di noi può sapere che cosa sta catturando l’attenzione delle persone incollate allo schermo. Spesso, alienarsi, significa sconfiggere la solitudine; partecipare ad una discussione; far parte di una community. Parlare, confrontarsi, connettersi. Altre volte, infine, significa semplicemente dialogare con chi non è accanto a noi (ma è come se ci fosse).

In altre parole: esprimersi. Tutto il contrario di quello siamo portati a pensare se circondati da device accesi

tumblr_mxm2zbdlCQ1qg0snbo1_1280

Illustrazione di Rosangela Ludovico: http://www.cyborgize.it

Cos’è, dunque, una social dinner?

È innanzitutto un’esperienza di enorme interesse, immersiva e coinvolgente. Una tavola rettangolare, immersa nel blu, che ospita circa una trentina di persone appartenenti ad una community viva: quella di chi segue e commenta MasterChef dal proprio profilo twitter.

ford-social-restaurant

Da una parte ci sono gli influencer, ovvero profili di persone che hanno un certo peso (follower, seguito, etc etc) sul social nato a san Francisco; dall’altra semplici appassionati che amano raccontare e raccontarsi attraverso la partecipazione attiva. Chiudono il cerchio gli eliminati della settimana precedente (Masterchef è pur sempre un gioco) e un ospite d’onore.

Così, in compagnia, si trascorrono alcune ore tra rubriche (in diretta via Periscope) riguardanti la cucina, intermezzi musicali, foto, video e degustazione di piatti gourmet.

CaZJWvOWAAAra7B

Twitter Halo 2.0

La social dinner è anche l’occasione per provare nuovi strumenti che la piattaforma di Jack Dorsey ha concesso in anteprima mondiale al trio Ford-Eataly-Masterchef. Ad esempio il  Twitter Halo 2.0, una telecamera che fa video con effetti cinematografici, a 360°, fissata ad una pedana. Un oggetto da veri makers (e di sicuro effetto). O no?

Vi racconto la mia cena connessa

Il 4 febbraio ho partecipato anch’io ad una social dinner. È stata una serata impegnativa ma anche molto divertente: ho lanciato quasi 50 tweet, commentando Masterchef con le persone che mi stavano accanto e con quelle che, come me, stavano gustandosi l’evento davanti ad uno schermo, a casa loro. Ho mangiato dei piatti ordinandoli con un tweet e ho ascoltato buona musica (dalla voce di Lidia Schillaci). Sempre con lo smartphone tra le mani.

Ma non mi sono mai sentito “isolato” pur avendo gli occhi quasi sempre incollati allo schermo

Ford-Social-Restaurant

Ma è giusto essere connessi mentre si mangia?

Credo che, alla fine, sia una questione di contesto. E di saper utilizzare correttamente gli strumenti che abbiamo a disposizione. È il senso di appartenenza che ci rende sociali, anche in un lasso di tempo assai ristretto.

Un consiglio? Guardare al numero degli invitati: una “social dinner” (potete candidarvi qui) è un evento davvero allargato e senza confini che fa dell’interazione la sua colonna portante. Domenica, invece, è San Valentino; una cena “solitamente” per due. Forse, in quell’occasione, sarà meglio tenere spento ogni dispositivo e godersi una diversa intimità.

Alessandro Frau

Ti potrebbe interessare anche

Twitter Halo 2.0: il bullet time di Matrix nei tuoi tweet

Durante il Ford Social Restaurant a Roma, in collaborazione con Eataly e Masterchef Italia, Twitter Italia ha presentato in anteprima mondiale Halo 2.0, che offre una via di mezzo tra una GIF e un video 360°: una chicca per l’event marketing.

La bilancia intelligente (tutta italiana) che riconosce il cibo e ti prepara la dieta

Fit Balance è la bilancia intelligente ideata da un giovane ingegnere calabrese. Mentre prepariamo un pasto ci dirà quanti carboidrati, proteine e grassi stiamo per mangiare. Grazie ad una fotocamera e una app per smartphone, ci aiuterà a scegliere gli alimenti giusti, controllando eccessi e intolleranze.

La grata da un dollaro che combatte l’inquinamento (e la deforestazione) nei paesi più poveri

Mewar Angithi è un inserto metallico per i fornelli a carbone più “primitivi”. I suoi vantaggi? Riduce consumi e inquinamento. In più produrlo costa pochissimo

Eatwell, il set da tavola che migliora la vita (e i pasti) dei malati di Alzheimer

Eatwell ha raccolto oltre 100mila dollari su Indiegogo da oltre 1000 sostenitori diversi. Ogni pezzo di questo set (colorato, ergonomico e innovativo) è frutto di un lavoro di ricerca durato 4 anni. Lo ha creato Sha Yao, una giovane designer taiwanese della Stanford University.

Le finaliste di .itCup 2016: Userbot, creare Bot (intelligenti) per il Customer Support

UserBot è una soluzione che usa l’intelligenza artificiale per interagire automaticamente con i clienti sui canali digitali, creando un Bot in grado di capire il linguaggio naturale e permettendo, quindi, di diminuire i tempi e i costi relativi al Customer Support.

E’ qui la scuola del futuro

Dal Piano Nazionale Scuola Digitale, che tra poco compirà un anno, alle tecnologie per l’e-learning, la programmazione e i giovani maker. Di cosa parliamo quando parliamo di scuola digitale, il futuro dell’apprendimento

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»