The Next News

Il primo giornale che si legge, si pianta e fiorisce

Prendi il quotidiano e leggilo. Poi, piantalo e innaffialo. In poco tempo nasceranno dei germogli. The Mainichi, testata giapponese (con una tiratura di circa 5 milioni di copie), è il primo “giornale verde” del mondo.

Prendi il tuo quotidiano e leggilo. Poi, invece di buttarlo, piantalo e innaffialo. In poco tempo vedrai nascere dei germogli dalle pagine. The Mainichi, testata giapponese (con una tiratura di circa 5 milioni di copie) è il primo “giornale verde” del mondo.

[youtube id=”-s2xP6WFrd8″]

Un giornale riempito di semi

Le pagine del The Mainichi sono realizzate da materie prime riciclate: i rifiuti vengono disciolti in acqua e trasformati in polpa; subito dopo vengono ricoperti di semi che, pressati e resi compatti, vanno a costituire i fogli di carta. Anche l’inchiostro è prodotto utilizzando sostanze interamente vegetali.

In questo modo ogni copia può completare un ciclo e, esaurito il suo scopo informativo, ritornare ad essere una pianta, contribuendo ad aumentare la percentuale di verde all’interno delle case e nelle città.

In più  è una soluzione che determina una diminuzione della quantità di rifiuti da smaltire.

 TheMainichiNewspapers_GreenNewspaper20150909054029

Maggiori guadagni e più educazione

E dal punto di vista economico sono notevoli i risultati raggiunti. Il giornale, che pubblica molte notizie sulle piante e sul giardinaggio ha conquistato nuovi lettori ottenendo oltre 80 milioni di yen (più di 600mila euro) di guadagno extra. Molte scuole, infine, hanno deciso di adottarlo come modello positivo per insegnare agli alunni l’importanza della lettura e, insieme, del rispetto della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Apple brevetta l’iPhone che si piega e si deforma

Lo scorso 1° marzo Apple ha depositato un brevetto che riguarda i device elettronici flessibili. In futuro, cioè, l’iPhone si piegherà e fletterà tra le nostre dita. E non solo, novità anche per quanto riguarda le cuffie.

Il robot di Google che trasforma i selfie in disegni | Video

Al Mobile World Congress di Barcellona, IOIO ha catturato l’attenzione di molti curiosi. Per trasformare un’immagine in disegno ci mette appena 3 minuti ma non diventerà un prodotto commerciale.

RocketBook: con 20 euro puoi avere il quaderno che salva in cloud quello che stai scrivendo a mano

Costa pochi euro e ha letteralmente sbancato Indiegogo, ottenendo il 3000% di quanto richiesto ai finanziatori. E’ un quaderno che salva i nostri appunti e li trasferisce in digitale con un semplice tocco

La storia di Marc Dillon: da Jolla alla Gioconda stampata in 3D (con anima rock)

Dopo 25 anni passati tra Nokia e Jolla, lo startupper “rock” Marc Dillon ha deciso di cambiare vita. Così ha fatto partire il progetto Unseen Art per rendere l’arte accessibile ai non vendenti (e non solo). Il primo passo? La Gioconda stampata in 3D.

Gli innovatori digitali a raccolta per la quinta edizione della Maker Faire Rome

Dall’1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma la Camera di Commercio, attraverso Innova Camera, organizza l’evento che toccherà, tra le altre cose, le tematiche dell’industria 4.0, dell’internet delle cose, dell’artigianato. Sul sito le call aperte per maker, scuole e università

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale